AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Generale > Parliamo insieme

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 09-10-2007, 08:18 PM   #1
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito 11 settembre

<embed src="http://video.libero.it/static/swf/eltvplayer.swf?id=722ca6a8137e6ff231c7c4461502b586 .flv&ap=0" width="400" height="333" type="application/x-shockwave-flash">


<embed src="http://video.libero.it/static/swf/eltvplayer.swf?id=4562a910ee72cf4213b407e6abde0798 .flv&ap=0" width="400" height="333" type="application/x-shockwave-flash">

Nulla e' come sembra
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-10-2007, 08:19 PM   #2
gioiamia
Amico*
 
L'avatar di gioiamia
 
Data Registrazione: Jun 2006
Messaggi: 3.570
Invia un messaggio via MSN a gioiamia
Predefinito



Pat...
__________________
La parte piu' lunga di un viaggio...e' la porta
gioiamia è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-10-2007, 08:19 PM   #3
kkk1973
Senior Member
 
Data Registrazione: Apr 2007
Messaggi: 1.304
Invia un messaggio via MSN a kkk1973
Predefinito

__________________
Kety
http://sonarib.spaces.live.com/
kkk1973 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-10-2007, 08:38 PM   #4
fabykiss75
Amico*
 
L'avatar di fabykiss75
 
Data Registrazione: May 2007
Messaggi: 4.014
Predefinito



fabykiss75 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-10-2007, 09:00 PM   #5
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito

Mondo: aumentano le spese militari e l'Italia ne approfitta

Stockholm International Peace Research Institute | Unimondo
lunedì, 14 giugno, 2004

Aumentano le spese militari nel mondo che "rischiano di raggiungere livelli insostenibili" - nota il Rapporto 2004 del Sipri, l'Istituto internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace, presentato nei giorni scorsi alla stampa. La spesa militare mondiale ha raggiunto i 956 miliardi di dollari aumentando dell'11% nel 2003, un incremento che si aggiunge al 6,5% del 2002. Guidano la classifica gli Usa, con una spesa militare di quasi 450 miliardi di dollari che rappresenta il 47% del totale mondiale. Seguono quindi il Giappone (5%), Gran Bretagna, Francia e Cina ciascuno col 4% del totale. Dei 19 conflitti armati in corso nel 2003 solo due sono tra stati: il primo tra Iraq e la Coalizione multinazionale guidata dagli Usa e la seconda tra India e Pakistan. Le guerre del 2003 infatti sono prevalentemente conflitti interni a un Paese, cioè entro confini nazionali: "Nella politica contemporanea - si legge nel rapporto - la fonte principale di conflitti armati di rilievo rimane interna. La persistenza di guerre interne e la loro resistenza a una rapida soluzione è ampiamente dimostrata nel 2003". Alla guerra in Iraq il rapporto riserva un ampio capitolo in cui il conflitto è definito "uno dei più controversi dei tempi moderni", sia per le sue premesse che per le sue conseguenze. Il rapporto del Sipri concede poi uno spazio particolare all'esame della posizione dell'Onu, affermando che "nonostante le ferite inflitte nel 2003 al concetto del primato delle Nazioni Unite nel mantenimento della pace e della sicurezza, l'Onu rimane grandemente in gioco per le operazioni di pace, e in particolare nel difficile campo della ricostruzione della pace dopo i conflitti". L'Onu, secondo il rapporto "ha ragione di invocare un ruolo e una responsabilità speciale nel definire i principi dell'intervento e del coordinamento degli sforzi internazionali per la pace. Così facendo, afferma un legittimo diritto a dire la sua sul modo in cui la pace viene fatta".

Ad approfittare delle situazione di tensione per piazzare le proprie armi vi è l'Italia. Oltre alle autorizzazione del governo Berlusconi all'export di sistemi bellici verso la Cina nonostante la conferma dell'embargo da parte del Parlamento europeo - già ripetutamente segnalate dal nostro sito - va ricordata la vendita di armi italiane a India e Pakistan, gli unici due stati in conflitto secondo il Rapporto Sipri. Secondo la relazione del governo italiano, invece "la diminuzione delle tensioni tra India e Pakistan è «un rilevante fattore di distensione» che permette «un sostanziale allentamento del rigoroso regime restrittivo adottato in passato» - nota Francesco Terreri su Nigrizia. In un dettagliato articolo sull'esportazione di armi italiane pubblicato nel numero di giugno della rivista comboniana, Terreri nota che "vendiamo apparati radaristici ed elettronici avanzati al Pakistan per 70 milioni e materiale all'India per 26 milioni". "Poche anche le cautele nelle vendite in Medio Oriente, nonostante la situazione nell'area si stia facendo esplosiva. In Arabia Saudita, l'Italia ha continuato a inviare componenti, per 91 milioni di euro, dei cacciabombardieri Tornado esportati fino al 1998 dalla Gran Bretagna con il megacontratto "Al Yamamah" (La Colomba): 120 aerei in cambio di 400 mila barili di petrolio al giorno. Sulla commessa c’è un’indagine in corso a Londra - sottolinea Terreri ricordando quanto Unimondo aveva messo in evidenza nelle scorse settimane.
Campagna di pressione alle banche armate: Lista delle banche armate


L'analisi di Terreri riporta anche le operazioni bancarie collegate all'export di armi che lo scorso anno ammontavano a 722 milioni di euro, con un 40% di transazioni per contratti con paesi asiatici e il 16% con paesi del Medio Oriente. Dalla tabella sul sito della Campagna di pressione alle banche armate si aprende che chi beneficia maggiormente della crescita degli affari è il gruppo bancario Capitalia (Banca di Roma, Banco di Sicilia, Popolare di Brescia) che copre da solo il 31% degli importi autorizzati, oltre 224 milioni di euro. Capitalia segue, tra l'altro, molte delle esportazioni in Malaysia, in Cina e in Kuwait, oltre che in Gran Bretagna e Francia - ricorda Terreri. "Al secondo posto Banca Intesa (97 milioni), banca d'appoggio, in particolare, per le forniture di munizionamento della Simmel Difesa agli Emirati Arabi Uniti. San Paolo-Imi e Bnl restano sempre sulla breccia, mentre cresce la presenza delle banche estere. Quest'anno è la volta di Société Générale, la storica banca francese che è impegnata con l’operazione dei siluri alla Malaysia, ma anche della tedesca Commerzbank, socia di Intesa e di Mediobanca, che segue esportazioni in Pakistan. E con Islamabad opera anche Banca Antonveneta, una delle piccole emergenti insieme alla Cassa di Risparmio di La Spezia, che dal canto suo spazia dalla Nigeria al Sultanato del Brunei. La Cassa spezzina era controllata da Banca Intesa, ma l’anno scorso è stata acquisita dalla Cassa di Risparmio di Firenze, che ha sua volta ha come soci e "partner strategici" San Paolo-Imi e l'altro colosso transalpino Bnp Paribas" - conclude Terreri.

Nella Relazione del governo risulta ancora la presenza tra le cosiddette "banche armate" anche di Unicredit che nel 2001, su pressione della "Campagna di pressione alle banche armate", annunciò di non voler più sostenere le esportazioni di armi. L'ammontare totale di Unicredit per le autorizzazioni per esportazioni definitive è di 4,32% sul totale che equivale a cira 32 milioni di euro. E proprio verso Unicredit si è diretta l'azione del GAN - Gruppo di Azione Nonviolenta - del Trentino che ha inteso richiamare il gruppo bancario ai suoi impegni. Unicredit in Trentino controlla, assieme ad altri gruppi, anche la gestione delle tesorerie della Provincia Autonoma di Trento e di diversi comuni. Tra le autorizzazioni ricevute da Unicredit e denunciate dai GAN vanno segnalate soprattutto quella verso lo Zambia di 2.700.000 di dollari con un compenso di intermediazione di quasi il 10%. Lo Zambia è uno dei paesi verso i quali la CEI (Conferenza Episcopale Italiana) e lo Stato italiano hanno in atto procedimenti di annullamento di debito estero a condizione che non si acquistino armi. Nella lista di Unicredit compaiono anche due autorizzazioni verso il Pakistan del valore di 5.488.000 euro e di 9.300.000 dollari, una verso la Malesia di 6.370.000 dollari, paese dove vi sono gravi violazioni dei diritti umani e sparizioni, due autorizzazioni verso Israele del valore di quasi 50.000 dollari e verso il Bangladesh con cui Unicredit ha ottenuto un'autorizzazione di 301 milioni vecchie lire. [GB]






Il 6 febbraio il presidente George W. Bush ha presentato alla stampa e al Congresso la proposta di bilancio per l'anno fiscale 2007 che avrà inizio il prossimo 1 ottobre. Il documento consta di quattro volumi con copertina verde e beige con lo stemma presidenziale ben in evidenza e segue di pochi giorni il discorso sullo stato dell'Unione pronunciato da Bush il 31 gennaio e la "Quadriennial Defense Review" (Qdr), l'aggiornamento quadriennale del piano per la difesa, il primo adattato agli scenari del dopo 11 settembre, e nelle intenzioni della Casa Bianca dovrebbe costituire sia la sintesi dei due documenti sia la base per l'attuazione delle proposte in essi definite.
Ciò è vero solo in parte. Con il bilancio da 2.770 miliardi di dollari presentato al Congresso l'amministrazione intende incrementare sia le risorse dedicate alla Difesa e alla sicurezza interna sia quelle necessarie a rendere definitive le riduzioni fiscali adottate nel 2001 e 2003 attraverso sensibili tagli ai fondi per gran parte dei programmi sociali federali come Medicare o l'attività di ricerca medica del National Institutes of Health. L'obiettivo è accrescere la sicurezza dell'America contrastando possibili attacchi terroristici sia dall'interno sia dall'esterno e consolidare la crescita favorita a scapito della spesa sociale. In realtà le decisioni economiche delineate nel budget 2007 non sono così semplici e chiare come appaiono da una loro superficiale lettura.

Il nuovo bilancio prevede un aumento del 7% delle spese militari e un aumento del 6% delle spese per il ministero per la Sicurezza interna, istituito dopo lo shock degli attacchi alle Torri. Tuttavia, al di là dell'ampio aumento delle risorse per il Pentagono, il loro utilizzo appare in contraddizione con quanto previsto dal nuovo Piano quadriennale della difesa. Il documento, presentato in una conferenza stampa il 4 febbraio dal segretario Rumsfeld assieme al capo degli stati maggiori riuniti Peter Pace, rappresenta una sostanziale revisione delle strategie post-11 settembre. Secondo gli esperti, l'attacco terroristico alle Twin Towers ha rappresentato una pietra miliare nell'evoluzione dei piani difensivi americani e nella spesa militare di Washington e delle altre nazioni occidentali durante l'intera seconda metà del Ventesimo secolo.

Se la realtà della Guerra Fredda imponeva scenari fondati sulla capacità delle forze armate alleate di combattere due grandi conflitti convenzionali contemporaneamente ed essere pronti a rispondere con efficacia a un primo attacco nucleare sovietico, la fine del confronto est-ovest e l'emergere della guerra al terrorismo ha comportato un rilevante mutamento di prospettiva.

Secondo la Qdr, nell'era attuale i comandanti americani non dovranno basare le proprie valutazioni su un nemico rappresentato da un altro Stato nazionale, ma su un avversario sfuggente, subdolo che attacca e si nasconde tra la popolazione civile e con cui ingaggiare una lunga guerra fondata non più su posizioni statiche ma su confronti dinamici e irregolari in teatri di enormi dimensioni dove l'arma più efficace saranno forze speciali in grado di adattarsi a culture e società diverse, pronte a svolgere operazioni di contro-insurrezione come quelle svolte in Vietnam dai Berretti Verdi e immediatamente dispiegabili ovunque servano sull'intero globo.

A questo scopo il bilancio 2007 prevede un incremento del 30% delle risorse per tali forze e operazioni di guerra psicologica, ma la maggior parte dei 439 miliardi dei maggiori finanziamenti militari sono destinati a essere spesi in una serie di progetti e armi più adatte a un confronto vecchia maniera che al nuovo tipo di dottrina strategica.

Sono previsti fondi per 10,4 miliardi di dollari per acquistare caccia F-22 Raptor, F-18 Super Hornet e per lo sviluppo del nuovo caccia F-35 Joint Strike Fighter. A ciò si devono aggiungere 11,2 miliardi di dollari per l'acquisizione di nuove fregate classe Ddx e altri sottomarini classe Virginia, oltre ad un incremento di 10,4 miliardi per rafforzare la difesa missilistica. Per un raffronto basti pensare che l'intera spesa di 181 milioni di dollari previsti nel bilancio per un miglior addestramento culturale e linguistico delle nuove forze speciali costerà meno di un solo caccia F-35.

Secondo il Pentagono, ulteriori spese per questo tipo di armamento serviranno a garantire ai comandanti la possibilità di disporre di una strategia militare più flessibile. Se questo è vero, è anche vero che con un avversario non tradizionale come le forze terroristiche una minaccia molto più immediata e credibile per la sicurezza americana non è tanto un missile nucleare lanciato da una nazione ostile, ma una "bomba nucleare sporca" confezionata da una organizzazione terroristica.

A parte le ovvie considerazioni sull'eccezionale "appetito" di quello che è conosciuto come l'apparato militare industriale (secondo la definizione di Ike Eisenhower nel suo "farewell address" del gennaio 1961), le contraddizioni tra la dottrina della "lunga guerra" e le attuali richieste di spese militari previste dal bilancio 2007 sono da individuarsi nella scadenza elettorale del prossimo novembre. In un anno elettorale spendere soldi federali per armi ipertecnologiche come il caccia stealth F-22 appare un mezzo molto redditizio per foraggiare, con aumenti dei posti di lavoro, collegi incerti di deputati e senatori repubblicani in cerca della rielezione. Di tali spese beneficeranno grandi società come la Boeing, la General Dynamics e la Lockeed Martin che al momento delle elezioni non faranno certo mancare il loro sostegno finanziario a candidati vicini all'attuale presidente. Una boccata di ossigeno in un momento in cui la ridotta popolarità del presidente rischia di togliere il controllo di entrambe le camere al Gop per riassegnarlo ai democratici.

A queste considerazioni si deve aggiungere che nelle richieste di ulteriori fondi da parte dell'amministrazione non devono essere comprese le spese per il finanziamento delle guerre in Iraq e Afghanistan (quantificate in altri 50 miliardi) che costituiscono voce a sé. L'esteso incremento delle spese per la Difesa e per i conflitti attualmente in corso è andato di pari passo con la richiesta di sostanziali tagli alle spese sociali. Se il presidente ha chiesto maggiori finanziamenti per la ricerca contro la pandemia da influenza aviaria, allo stesso tempo ha deciso di tagliare risorse per circa 15 miliardi per 141 programmi tra cui quelli a favore del cibo degli anziani, delle donne incinta e dei bambini e per garantire un'abitazione a persone avanti negli anni con bassi redditi.

Ma soprattutto ha proposto tagli per 36 miliardi in cinque anni al programma Medicare che provvede a fornire un minimo di benefici medici a poveri e anziani. In vista del progressivo ritiro dal lavoro della nutrita schiera dei baby boomers ed evitare l'implosione del già misero (se comparato ai livelli europei) sistema di welfare americano, i tagli proposti servono a ridurre la crescita delle risorse destinate a scopi sociali dall'8,1% previsto al 7,7 per cento. Se in un anno elettorale l'aumento delle spese militari rappresenta un indubbio beneficio per i parlamentari che correranno per la rielezione, i proposti tagli alle spese sociali per contenere il deficit (dovuto anche all'aumento delle suddette risorse per il Pentagono) potrebbero rivelarsi un vero e proprio boomerang per quegli stessi candidati.

Il malumore tra gli esponenti repubblicani è tangibile e potrebbe essere un freno all'effettiva realizzazione della diminuzione delle spese sociali. Ad esempio la senatrice Olympia Snowe del Maine si è detta convinta che i proposti tagli al programma Medicare potrebbero ridurre drammaticamente l'accesso dei più deboli alle cure mediche nonché la sua possibile rielezione al proprio seggio senatoriale. In effetti, con il pensionamento dei figli del boom economico del secondo dopoguerra, i timori di un possibile collasso del sistema assistenziale statunitense e di un ulteriore aggravamento del deficit di bilancio non appaiono così remoti, tuttavia l'amministrazione non è sembrata altrettanto previdente e responsabile riguardo i tagli alle tasse.

Con il combinato effetto degli aumenti di risorse per la difesa e dei proposti tagli ai programmi sociali il deficit di bilancio per l'anno 2006 raggiungerà il livello record di 423 miliardi. Quando Bush divenne presidente il bilancio non presentava un disavanzo ma un surplus di 127 miliardi. Nel 2001 e nel 2003 la sua amministrazione fece approvare una riduzione delle tasse per le fasce più ricche in base alla teoria della supply side economics e della curva di Laffer adottata dall'amministrazione Reagan che abbassare le tasse ai ricchi avrebbe costituito un poderoso stimolo alla crescita, causando una ripresa della crescita del deficit di bilancio.

Tralasciando la realtà storica del fallimento di tale teoria, gli operatori economici dissero che il costo in termini di squilibrio di bilancio sarebbe stato riassorbito dall'eccezionale sviluppo dell'economia statunitense. A distanza di qualche anno questo non è accaduto. Malgrado ciò, l'attuale amministrazione nel bilancio presentato ha chiesto di rendere definitivi tali tagli con un aggravio di 178 miliardi in cinque anni. Di fronte a tali proposte il senatore Kennedy ha sostenuto che se il Congresso approverà tale bilancio contribuirà a peggiorare il tenore di vita delle donne vedove, degli orfani, dei disabili e delle famiglie più povere mentre aiuterà i ricchi a diventare ancora più ricchi.

Nel discorso sullo Stato dell'Unione Bush aveva parlato anche della necessità di rendere l'America maggiormente competitiva nei confronti delle economie emergenti come India e Cina e a questo proposito nel bilancio per il 2007 sono previsti una serie di risorse per migliorare le attività di ricerca e sviluppo e per favorire la formazione di un maggior numero di scienziati secondo una strategia simile a quella adottata dalle amministrazioni Eisenhower e Kennedy dopo lo shock causato dall'improvviso lancio della navicella spaziale sovietica Sputnik nell'ottobre del 1957.

Nello stesso discorso Bush aveva sostenuto, con un certo realismo, che gli Usa sono eccessivamente dipendenti dal petrolio. Dopo un'affermazione simile si poteva pensare che nella successiva proposta di bilancio egli avrebbe fatto proposte adeguate per ridimensionare tale situazione. In realtà, a parte alcuni fondi chiesti per la ricerca di fonti di energia alternative, Bush non solo non ha fatto niente per evitare gli sprechi energetici (come il proliferare dei giganteschi Suv), ma anzi ha chiesto una riduzione dell'1,8% dei fondi per il dipartimento dell'Energia tra cui tagli alle procedure per garantire una maggiore efficienza nel consumo di energia e alla ricerca per l'energia idroelettrica e geotermale.

L'ultima notazione da fare riguarda il settore degli aiuti all'estero. Qui l'Iraq ha fatto la parte del leone con ben 709 milioni in più rispetto all'anno precedente. Le stesse considerazioni valgono per l'Africa, nuovo terreno di confronto nella competizione con la Cina per l'accesso alle risorse energetiche e per l'intero Medio Oriente. Un discorso diverso va fatto per l'America Latina. Nel bilancio gli aiuti al subcontinente hanno subito sensibili tagli evidenziando un fondamentale mutamento di priorità nella strategia di politica estera statunitense.

In un momento in cui Hugo Chavez si sta adoperando per sostenere economicamente le nazioni sudamericane limitrofe in funzione del suo progetto antiamericano e per l'integrazione dell'America Latina, le scelte di Washington in termini di aiuti appaiono quantomeno singolari e forse sono l'indizio di una certa difficoltà ed impotenza dell'attuale amministrazione nell'affrontare il declino della propria influenza sul continente: si preferisce dirottare le proprie risorse economiche su altre zone maggiormente in bilico dando forse per scontata la perdita dell'America Latina.
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-10-2007, 09:07 PM   #6
Ketty
Senior Member
 
Data Registrazione: Jul 2007
Località: Salerno
Messaggi: 360
Predefinito



NON BISOGNA MAI DIMENTICARE...



__________________
Dovunque il destino ti porti non scordare mai da dove provieni...
Ketty è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-10-2007, 09:50 PM   #7
Alicina
Senior Member
 
Data Registrazione: Sep 2004
Località: Modena
Messaggi: 786
Invia un messaggio via MSN a Alicina
Predefinito

__________________
Alicina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-11-2007, 11:41 AM   #8
Laportadelcuore
Senior Member
 
Data Registrazione: Jun 2004
Località: Torino
Messaggi: 330
Predefinito

<embed src="http://www.youtube.com/v/EqGJ7_T9SI4" type="application/x-shockwave-flash" wmode="transparent" width="425" height="353"></embed>

Qualunque sia la verità...
Senza colori politici...
Uniamoci al popolo americano per piangere e ricordare
i morti di un assurda guerra di civiltà
o della solita sete di potere dei pochi.

God bless America and all.
__________________
Siamo talmente preoccupati per il sopruso fatto su un singolo individuo che non ci preoccupiamo affatto per il sopruso che subiscono tutti gli altri individui costretti a sorbirsi una valanga di cazzate. (G. Gaber)
Laportadelcuore è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-11-2007, 12:02 PM   #9
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito

<embed src="http://video.libero.it/static/swf/eltvplayer.swf?id=f62b0a1e0f93eaf852a3a01ec0a3ad9b .flv&ap=0" width="400" height="333" type="application/x-shockwave-flash">



<embed src="http://video.libero.it/static/swf/eltvplayer.swf?id=7cb49d8abaac9fe31de28f8a11259bf9 .flv&ap=0" width="400" height="333" type="application/x-shockwave-flash">
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-11-2007, 02:15 PM   #10
lucy
Amico*
 
Data Registrazione: Sep 2004
Località: Salerno
Messaggi: 2.520
Invia un messaggio via MSN a lucy
Predefinito

eh già.. non dimentichiamo, non dobbiamo...
__________________
.. vorrei che fossi qui, seduta, nel mio angolo di Vita .. vorrei che guardassi nel giardino dei nostri sorrisi ..
lucy è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-12-2007, 12:58 PM   #11
flavia m
Amico*
 
L'avatar di flavia m
 
Data Registrazione: May 2007
Messaggi: 972
Predefinito

Personalmente io come tutti, ricordo con tristezza l'11 settembre 2001, figuratevi che stavo facendo l'interpreta quì a Vicenza durante un'edizione della Fiera dell'Oro, che in Italia è tra le più grandi, e mi trovavo praticamente circondata da americani.
Non vi racconto il panico che vi è stato, credo siano stati i minuti più lunghi non solo per noi, per quelle persone che erano lì, a migliaia di km da casa, dai loro cari, che col cellulare tentavano,guardando ad occhi fissi il megaschermo in sala stampa che costantemente via satellite era collegato a NY, di contattare i loro familiari per accertarsi che fossero vivi e stessero bene...e senza risultato. In una campana di vetro, dove tutti i manager agghindati nei loro vestiti firmati, gli imprenditori dietro le vetrine lussuose dei loro stand, in quel luogo dove il lusso faceva la differenza, il panico ha seminato la sua uguaglianza.
In pochi secondi l'etichetta era stata completamente scordata, ed il caos, terrore e lacrime regnavano sovrani.

Però, anke se più di 3000 persone in un colpo solo è una strage, e colpisce e rimane nella storia per ki un minimo di sensibilità per la vita umana ce l'ha, non posso non ripensare che per più 3000 motivi diversi, migliaia e migliaia di persone muoiono e nessuno se ne accorge, nessuno li commemora, nessuno si ferma in un minuto di silenzio.
__________________
flavia m è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-12-2007, 09:28 PM   #12
pippy79
Amico*
 
L'avatar di pippy79
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: lassù sui monti
Messaggi: 2.967
Predefinito

si sono dette molte cose su l'11 settembre...

io penso che gli americani politici non hanno fatto nulla perchè la colpa è degli stessi americani...hanno inventato e creato loro 11 settembre,per la loro guerra per il petrolio,per interessi militari e politici e per dare la colpa ai terroristi..."poveri sfigati presi a caso..."

loro sono stati creazione di tutto...e "schifosi come sempre..."
scusate le parole usate..sono un pò arrabbiata....e ste cose mi mandano in bestia...
l'unica cosa che mi rattrista molto e pensare che le vittime sono state persone innocenti,tantissime..persone innocenti morte e tantissime famiglie distrutte.....peccato...ne vale proprio la pena?io non credo...ma a loro serviva questo per avere il mondo dalla loro parte,per aiutarli nei loro sporci interessi e nel mangia mangia generale...

chissà perchè l'aereo diretto sulla casa bianca e non mi ricordo l'altra destinazione...non è mai atterrato...infatti forse..perchè non è mai esistito!!!

che tristezza....

per tutte le povere vittime innocenti....

(...questo è il mio personale pensiero!!!)
__________________
Due cose al mondo non t'abbandonano mai:
l'occhio di Dio che ovunque ti vede,
e il cuore della mamma che sempre ti segue!!

Pippy
pippy79 è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 07:25 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs