Visualizza Messaggio Singolo
Vecchio 08-20-2006, 09:36 PM  
Daliante
Senior Member
 
Data Registrazione: Jun 2006
Messaggi: 645
Predefinito

Citazione:
14/03/2004 11.13

--------------------------------------------------------------------------------

Ho deciso di entrare come mio primo intervento in questa discussione anche se vi leggo da tempo solo perché ho trovato (ripeto a mio avviso) troppo dure le reazioni. Se rileggete attentamente quei messaggi forse ve ne renderete conto.
Non conosco le persone coinvolte, quindi Ferdinando e Terry mi dispiace deludervi ma il mio intervento è assolutamente non interessato.
Sono laureato in psicologia, e sono assistente in un consultorio giovani Asl, quindi mi confronto ogni giorno con ragazze e ragazzi dai 14 ai 21 anni con le più svariate personalità e problemi.
Se mi sono permesso di intervenire è perchè conosco molto bene l’argomento, o meglio, conosco ciò che una persona può fare se guidata da una situazione personale di profondo disagio, come credo sia in questa circostanza.
Non conoscendo nulla, ripeto, è stato per me quasi automatico vedere il tutto da un punto di vista esterno e professionale. Per questo mi sono subito posto contro le vostre (pur giustificate ma opinabili) reazioni. Perché ho pensato a cosa avesse potuto spingere questa persona a tale comportamento, e ripeto, per esperienza, posso garantirvi che nella maggior parte dei casi, ci sono dolori, violenze e situazioni di disagio molto pesanti.
Ed è per questo che ho parlato di richiesta di aiuto, perché non tutte le personalità sono uguali, e molte volte le persone che non hanno la forza o il coraggio di chiederlo in modo diretto, lo fanno attraverso svariati comportamenti, non sempre idonei e corretti, ma pur sempre tangibili.
Pur riconoscendo ad ognuno di voi il diritto di tali reazioni, per il grado di coinvolgimento, è stato per me impossibile da accettare in pieno.
Chiudo il tutto con una constatazione, e la mia risposta in questo caso è per Terry che ne ha riportato l’esempio.
Da quello che ho potuto leggere le reazioni più dure sono state proprio dai meno coinvolti, è questo che dovrebbe far riflettere, perché al contrario la più coinvolta Anna, nel suo dolore e nella sua profonda ferita non ha mai usato termini offensivi e spietati verso questa persona, e di certo sarebbero stati i più comprensibili.
Aurorablu, perdona il protrarsi della mia risposta ma la ritengo idonea per chiarire le mie motivazioni.

Diego
Daliante è offline   Rispondi Citando