AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Poesia > Le tue poesie

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 09-20-2013, 04:36 PM   #61
Alexandru Cefan
Junior Member
 
Data Registrazione: Dec 2012
Messaggi: 29
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

Ricordo ancora l’albero soleggiato
del mio primo sogno,
dove tutto si allontanava
sulle spalle indebolite del tempo.
Pareva una riviera di limoni,
tu c’eri al mio fianco,
mi tenevi la mano.
L’anima gridava
invocando soltanto una scusa,
per rimanere
illusi nella nostra rotta.
Alexandru Cefan è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-28-2013, 03:38 PM   #62
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

28 settembre 2013

Si sentiva invisibile, inadatta, incompresa.
E’ il destino di tutti quelli che sentono troppo,
il destino di tutti quelli che amano troppo.
La via obbligata del troppo pensare è veder svanire,
sotto un velo di incomprensibilità,
questo illogico mondo

e restare irrimediabilmente soli.

Anton Vanligt


delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-30-2013, 06:23 PM   #63
Rosanna
Amico*
 
L'avatar di Rosanna
 
Data Registrazione: Jan 2007
Località: in un posto che conoscono gli aironi: li nel regno dei Cieli
Messaggi: 4.398
Invia un messaggio via MSN a Rosanna
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

Citazione:
Originariamente inviato da delfina Visualizza Messaggio
28 settembre 2013

Si sentiva invisibile, inadatta, incompresa.
E’ il destino di tutti quelli che sentono troppo,
il destino di tutti quelli che amano troppo.
La via obbligata del troppo pensare è veder svanire,
sotto un velo di incomprensibilità,
questo illogico mondo

e restare irrimediabilmente soli.

Anton Vanligt

__________________
Chi trova un amico trova un tesoro!
Rosanna è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-11-2013, 07:34 AM   #64
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.952
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno


11 ottobre 2013

Lo so
che tutto è già stato descritto:
l’amore, l’odio, l’ira e il dolore.
Lo so.

Lo so
che ogni parola ha infiniti padroni:
morti e vivi, sinceri e falsi.
Lo so.

Ma so anche
che a nessun altro è dato di vivere me stesso.
Ecco perché a nessuno concedo
di parlare al mio posto.

Rainer Malkowski


__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-12-2013, 02:21 PM   #65
lady R
Amico*
 
L'avatar di lady R
 
Data Registrazione: Oct 2010
Località: calabria
Messaggi: 1.188
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio

11 ottobre 2013

Lo so
che tutto è già stato descritto:
l’amore, l’odio, l’ira e il dolore.
Lo so.

Lo so
che ogni parola ha infiniti padroni:
morti e vivi, sinceri e falsi.
Lo so.

Ma so anche
che a nessun altro è dato di vivere me stesso.
Ecco perché a nessuno concedo
di parlare al mio posto.

Rainer Malkowski


__________________
Non sei sconfitto quando perdi,ma quando desisti Coelho
lady R è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-15-2013, 06:05 PM   #66
lady R
Amico*
 
L'avatar di lady R
 
Data Registrazione: Oct 2010
Località: calabria
Messaggi: 1.188
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

VESTIARIO
Ti togli, ci togliamo, vi togliete
cappotti, giacche, gilè, camicette
di lana, di cotone, di terital,
gonne, calzoni, calze, biamcheria,
posando, appendendo, gettando su
schienali di sedie, ante di paraventi;
per adesso, dice il medico, nulla di serio
si rivesta, riposi, faccia un viaggio,
prenda nel caso, dopo pranzo, la sera,
torni fra tre mesi, sei, un anno,
vedi, e tu pensavi, e noi temevamo,
e voi supponevate, e lui sospettava;
è già ora di allacciare con mani ancora tremanti
stringhe, automatici, cerniere, fibbie,
cinture, bottoni, cravatte, colletti
e da maniche, borsette, tasche, tirar fuori
-sgualcita, a pois, a righe, a fiori, a scacchi- la sciarpa
riutilizzabile per protratta scadenza
Szymborska W.
__________________
Non sei sconfitto quando perdi,ma quando desisti Coelho
lady R è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-08-2013, 11:18 PM   #67
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

9 novembre 2013

.."E se fosse il vento ad avere le risposte?
Cavalcherei fino all'aurora per sentirlo cantare nei capelli.
E se fosse il cielo ad avere le risposte?
Scruterei l'orizzonte fino al lacrimare degli occhi,
e nelle stelle cercherei la via.
E se fosse la terra ad avere le risposte?
Interrogherei i delicati profumi dei suoi frutti
e di fiore in fiore volerei
come ape laboriosa.
E se fosse il torrente ad avere le risposte?
Mi tufferei decisa
e languida inseguirei la corrente
per carpirne la voce.
Ma nel mio cuore albergano domande
che solo nel tuo cuore trovano risposte...
Troppo lontane per essere udite,
Troppo difficili per essere capite"..

[Anonimo]


delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-16-2013, 08:23 AM   #68
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.952
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno



16 novembre 2013

Ah, sì, quante battaglie, eroismi, ambizioni, superbie
senza senso,
sacrifici e sconfitte e sconfitte, e altre battaglie, per cose
che erano state già decise da altri in nostra assenza. E
gli uomini, innocenti,
a infilarsi le forcine negli occhi a sbattere la testa
contro il muro altissimo, ben sapendo che il muro non
cede
né men si fende, per consentirgli di vedere almeno da
una fessura
un po' di azzurro non offuscato dalla loro ombra e dal
tempo. Eppure - chissà -
là dove qualcuno resiste senza speranza, è forse là che
inizia
la storia umana, come la chiamiamo, e la bellezza
dell'uomo
tra ferri arrugginiti e ossi di tori e di cavalli,
tra antichissimi tripodi su cui arde ancora un po'
d'alloro
e il fumo sale nel tramonto sfilacciandosi come un vello
d'oro.

da "Elena" di Yiannis Ritsos




__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-27-2013, 06:57 AM   #69
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.952
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

27 novembre 2013

Wile, il coyote
perennemente rincorre
il fallimento parte di un disegno
fatto da lui stesso
parte dell’incombenza
In faccia quell’espressione da scemo
che ci ricorda la sua stessa futilità
una rispettabile causa persa, la coazione a ripetere
con l’età arriva la paura
ma Wile è senza età
sempre tanto giovane e confuso
ingenuo e come stupito dalla mancanza di chiarezza.
Ha nella costituzione un ché di Prometeo
sia nel coraggio sia nella coazione a soffrire
sebbene nelle quotidiane disavventure di Wile
si stenti a vedere l’erotica Musa
subisce il richiamo di qualcosa
Come sapete Beep Beep è sfuggente quanto le parole
evasivo ingegnoso amante
forse è proprio questo il punto
il costante tentativo di acchiapparli
senza badare all’incudine che gli cade in testa
O quando Wile è lì sull’orlo del baratro
del canyon nel deserto e cade
senza paura
a braccia tese
la faccia
verso quel tenue nastro di fiume sotto
un modello per noi tutti.


Carmelo Militano




__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-01-2013, 08:40 PM   #70
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

1 dicembre 2013

E si muore
per un paio di ali
per una mano
che non arriva
per un impatto
che non fa male
per un viaggio
mai avvenuto.
E si muore
sul nulla
sulla decadenza
di un desiderio.

Miranda Galati
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-20-2013, 06:53 AM   #71
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.952
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

20 dicembre 2013

Le sei del mattino.
Ho aperto la porta del giorno ci sono entrato
ho assaporato
l'azzurro nuovo nelle finestre
le rughe della mia fronte di ieri
sono rimaste sullo specchio
sulla mia nuca una voce di donna
tenera peluria di pesca
e le notizie del mio paese alla radio
vorrei correre d'albero in albero
nel frutteto delle ore
verrà il tramonto, mia rosa
e al di là della notte
mi aspetterà
spero
il sapore di un nuovo azzurro.

- Nazim Hikmet


__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-31-2013, 09:08 AM   #72
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.952
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

31 dicembre 2013

Tempo di neve



C’è sempre un ultimo giorno.
L’ultimo giorno in utero, l’ultimo giorno di un Amore,
l’ultimo giorno di scuola, l’ultimo giorno di vita
l’ultimo giorno di un anno.

C’è sempre un ultimo minuto di quel giorno in cui tutto accade.
Quello che accade, arriva sempre inatteso
con la dolcezza della neve e con la forza di un uragano.
Ed è il ripetersi delle novità a rendere tutto irrimediabilemente uguale.

Ed è solo la forza della disperazione a farci credere che poi sarà diverso
- e siamo straordinari noi a crederci –

E’ l’ultimo giorno di un anno di merda.
Dai capelli castani mesciati di tempo, bianco.
E’ l’ultimo giorno di un anno di pensieri
meno bianchi dei miei capelli.
E’ l’ultimo giorno di un anno difficile
come un cavallo imbizzarrito.
E’ l’ultimo giorno di un anno di consacrazione di un Amore
che si rinnoverà a mezzanotte
sotto al vischio e chilometri di distanza.

C’è sempre un giorno per misurare il tempo
e le latitudini dell’esistenza e della sua follia.

Arriva poi l’anno in cui
si presenta il cambiamento
e pensi allora che il tempo, davvero, passa

Ma se era ieri
la dimensione del tempo che non so
e che rincorro fra le pieghe di una bocca
e nelle mutande che mi sfili
lentamente

Arriva poi il tempo della neve
dove s’attutisce il ramo duro
che sembra primavera

la stagione della neve assorbe i rumori della vita
e rende silenzioso ogni passaggio
di quelle impronte invisibili, che, seppur invisibili,
potrai riconoscere

Dai, facciamo a pallate
mi nevica dentro quella neve che mi sciogli sulle labbra
e nella quale io, Sempre, mi confondo.

(è il tempo in cui i figli crescono e Noi si torna bambini)

Beatrice Niccolai


__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 01-27-2014, 06:44 AM   #73
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.952
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno


« La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. »







I treni del silenzio


Viaggiano treni senza finestrini
le croci d’oro girano lo sguardo
gli zucchetti neri sono polvere
come uomini portano la croce.


Viaggiano treni per niùna stazione
sopra scarne spalle stanno i bambini
dietro feritoie l’iride è un dardo
lanciato verso il fumo del cannone.


Viaggiano treni e nessuno li ferma
la libertà è sotto un altro cielo,
dove le stelle sono luce e sogni,
non stelle cucite di una conferma.


Viaggiano treni che non hanno viaggio
dove parola è morto silenzio.


Viaggiano, in tanti posti, viaggiano,
qualche volta c’è un raggio di sole
che sfida il nero rombo del cannone,
ma qui nessuno lo vuole guardare.


Walter Vettori



__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-01-2014, 06:20 AM   #74
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.952
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

1 febbraio 2014

Domande

Piove da due giorni: la tenda degli scrosci
s’infittisce e si dirada,
ma ininterrottamente si propaga
la sua nuvola d’acqua. La ragazza
stringe una tazza bianca, da cui sale
un fumo chiaro. Sorseggia lentamente,
tiene il sorso nella bocca prima di spingerlo
in gola. Si chiede se la pioggia
rappresenti un nuovo stato, se tirando
le radici di un luogo le scopriamo
infinite. Si abita così, credendosi per sempre.
Lei beve a sorsi brevi, nel pensiero raccoglie
i frammenti dei volti, si domanda
perché mai con la pioggia
rifioriscano i ricordi.

Massimo Gezzi


__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-11-2014, 08:26 PM   #75
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: La poesia del giorno

11 marzo 2014

Ogni tanto Mathilde sogna un uomo
al quale possa chiedere:

puoi amarmi?

Con tutta la fatica di vivere
che si porta dietro, la forza e la fragilità.

Un uomo che conosca la vertigine, la paura e la gioia.
Che non abbia paura delle lacrime dietro il suo sorriso
né del suo sorriso fra le lacrime.

Un uomo che sappia.

Un uomo che, semplicemente, sappia amare.

Delphine de Vigan


delfina è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 02:13 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs