AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Circondiamoci di > Sorrisi

Avvisi

Visualizza Risultati Sondaggio: quale lavoro natalizio preferisci?
ORCHIDEASELVAGGIA 2 16,67%
ROSANNA 2 16,67%
MARINETTA 7 58,33%
TATTYWITCH 7 58,33%
DELFINA 0 0%
ENRICHETTO 5 41,67%
Scelta multipla sondaggio. Partecipanti: 12. Non puoi votare in questo sondaggio

Discussione chiusa
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 12-21-2014, 11:48 AM   #1
Essenza
Moderatore*
 
L'avatar di Essenza
 
Data Registrazione: Dec 2007
Messaggi: 6.808
Predefinito SONDAGGIO quinto gioco natalizio di Aurorablu!

Ciao a tutti !
Apro ufficialmente il sondaggio per il gioco natalizio 2014 di Aurorablu.
Vi ricordo che in questo topic è vietato commentare , bisognerà solo dare il voto a chi preferite, la scelta sarà multipla e si potrà votare fino al 23 dicembre.. grazie a tutti quelli che hanno partecipato e che vinca il più originale



ECCO I LAVORI DA VOTARE :

ORCHIDEASELVAGGIA







ROSANNA :









MARINETTA :

La mia capanna
Le mie mani hanno creato
con cartone e con colori,
con il muschio e i sassolini,
una stalla immaginata
per un bue e un asinello.
Rami e paglia ,
una brocca d’acqua fresca
per la giovane Maria
e per il suo Giuseppe.
Una stalla illuminata…
Oh…E’ venuta tanta gente.
Shhh…
Sta dormendo il Bambinello.
Con le mani ho lavorato…
Com’è bello il mio presepe.
Shhh…
Sta dormendo il Bambinello!
Piano
Vi sussurro con affetto
Buon Natale!
***
Marinetta





This image has been resized.Click to view original image





TATTYWITCH:

L’attesa


Lo sguardo si perde
nel buio della sera…
Viandante solitario percorri
i sentieri della vita
e aspetti ancora qualcosa
che ti accarezzi il cuore
come una brezza di primavera.

Madre, che in pena
trascorri la notte sveglia,
aneli all’alba che
si porti via
con la febbre la paura.

Fragile anima,
trepida attendi un sogno
che non verrà mai.
Suoni, rumori, confusione
affollano la tua mente smarrita.
Non c’è più silenzio:
tante parole coprono
quello che il cuore
non sa più dire.

E tu, dolce amica mia,
consunta dal dolore
e dalla malattia,
attendi quel miracolo
che la speranza
non può cancellare.
E il tempo passa
e porta via con te
tutto quello che di te
con la lontananza
ormai ho perduto.

Io sono qui…
mi guardo intorno
e non so più cosa aspettare.

Il cuore geme
e lo sguardo corre
verso il cielo
a ricercare l’infinito.

Una preghiera sale
e Amor l’accoglie.

Vieni, piccolo bimbo,
vieni umile re,
vieni luce dell’anima.
Abbraccia questa umanità dolente
e sana le ferite
delle nostre attese.








DELFINA:
LA PERSEVERANZA

This image has been resized.Click to view original image

Quest'anno partecipo al giochino con una semplice e banale foto. Per essa ho scelto un titolo un po' strano ma che, per me, significa tantissimo. Da troppo tempo non riesco più a dare al Natale il significato che dovrebbe avere...innanzitutto quello religioso poiché, di fatto, altro non è...poi anche ciò che porta di riflesso: la voglia di stare insieme, di fare festa, di essere più buoni, ecc ecc....
Nonostante questa mia consapevolezza, non passa anno senza che in dicembre - pur con poca voglia - io mi prenda il tempo per fare albero e presepe, anche con una certa cura. Credo che questo dipenda dal fatto che dentro di me - seppur piccola piccola - permane la speranza di riuscire, un giorno, a vivere ancora il Natale per quello che dovrebbe essere.
Come se albero e presepe fossero la fiammella pilota che va tenuta sempre accesa per evitare che, una volta spenta, nulla possa più illuminarsi e riscaldare.







ENRICHETTO

“Se un giorno la vita, potesse finire come una messa breve e dolce di mezzanotte!»
Walter Chiari



Quando il Natale si fece largo tra le luminarie di Piazza Navona,Roma si presentava silenziosa e deserta.Pochi passanti frettolosi si apprestavano a tornare nelle loro case per la rituale cena della vigilia. Dietro le finestre si sentiva il vociare di bambini e allegre carole natalizie…sbirciando un po’ si potevano vedere le piante di agrifoglio, qualche nastro dall’arricciatura dorata o blu argento e le immancabili lucine a intermittenza. Mi fermai un attimo ad osservare una cicogna lottare contro il vento posata sulla celebre fontana dei quattro fiumi del Bernini quando mi sembro’ di sentire il suono di una campanella…cercai di capire da dove provenisse,quando mi sentii rivolgere la parola.
“Ehi…si dico a te”
Mi voltai da tutte le parti ma non vidi anima viva. Mica sara’ il fantasma del natale di dickensiana memoria?
“Sono qui dietro,dove guardi?”
Ancora una volta non vidi nessuno… a parte la celebre statua di Pasquino.
“Eh si ,sono proprio io, una delle statue parlanti di Roma, forse la piu’ famosa.*
Ci volle un po’ prima di riprendermi…
“Ebbene si una volta all’anno mi e’ concesso di parlare.Senti volevo chiederti…che vuol dire sto cartello che hanno messo qui da un po’…ZTL ?
“Zona a traffico limitato”
“Ah pensavo zona a traffico libero…non fare quella faccia,ho il senso dell’umorismo non lo sai?
Mamma mia Roma quanto sei cambiata in questi anni..scandali inefficienza incuria…eppure saresti cosi bella! Vorrei fare qualcosa ma la mia condizione di immobilita’ me lo impedisce.
Se sapessi che vuol dire vedere e assistere inermi a tante cose…e voi che potete state li come allocchi!
E non venirmi a cantare la solita solfa dell’eterna fama cittadina…eh a li tempi mia…”

“A Pasqui’ ma ‘na volta non parlavi solo con Marforio?** Mo’ pure co’ la gente…comunque c’hai ragione .
Ce ne sarebbero di cose da dire ,da fare…ai tuoi tempi con la satira sbeffeggiavi i papi,i francesi e pure l’imbianchino***noi oggi abbiamo a che fare con altro… forse neanche ci crederesti. Ma non dobbiamo perdere la speranza. E poi mica vedrai solo cose brutte,dai.Oggi e’ il 24 dicembre.Per caso hai sentito anche tu quel suono di campanella? Magari e’ la slitta di Babbo Natale”
“A me che c’ho tutti questi anni me vieni a racconta’ le favole?”
in quel momento inizio’ una leggera pioggerellina mista a neve…due giovani scelsero proprio il buon Pasquino per cercare riparo.Nel silenzio ovattato si senti lo schiocco di un bacio…forte, bello, nitido …
dopo qualche secondo i due innamorati decisero di sfidare la pioggia correndo mano nella mano…ne udimmo le risate saltellanti che si perdevano tra i vicoli.
“Hai visto Pasqui’…sei stato il riparo di un bacio.Te l’ho detto, mica solo cose brutte. Il vero spirito del natale si chiama Amore e alberga nel nostro cuore….e se vuoi puoi sentire anche tu quel suono…buon natale!”
Pasquino alzo’i suoi occhi di marmo verso il cielo e vide una lunga scia luminosa. Se qualcuno in quel preciso momento lo avesse guardato attentamente ,avrebbe scorto una lacrima…essere stato il riparo di un bacio lo aveva colpito profondamente. Con un filo di voce sussurro’ “Buon natale anche a te… a tutti voi.Il mio tempo sta per finire. In quel momento dalla chiesa del Borromini si udi ancora un lieve suono di una campanella…richiamare i fedeli per la funzione.
“Ah se un giorno la vita,potesse finire come una messa breve e dolce di mezzanotte!”
Giro’ il volto nella sua posa classica…fece un sospiro e ritorno’ immobile.

-----------------------------------------------------------------------


…Sebbene adulto, la campanella ancora suona per me e per tutti coloro che, sinceramente, credono."
(Polar Express)


*Per tutti gli asterischi vi rimando al topic "Lo sapevate che..."
__________________

Sii come il fumo: sali,
pensa che nell'evadere nessuno dirà
«ti ebbi e ho potuto misurarti».
(José Hierro)

Essenza è offline  
Discussione chiusa

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 01:10 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs