AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Poesia > Musica

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 10-24-2010, 01:12 PM   #1
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Testi

non è una poesia, non è un racconto...è un testo ma non lo dedico...dove si colloca? Depongo qui.

CANZONE DELL'APPARTENENZA - Giorgio Gaber


L'appartenenza
non è lo sforzo di un civile stare insieme
non è il conforto di un normale voler bene
l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé.


L'appartenenza
non è un insieme casuale di persone
non è il consenso a un'apparente aggregazione
l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé.

Uomini
uomini del mio passato
che avete la misura del dovere
e il senso collettivo dell'amore
io non pretendo di sembrarvi amico
mi piace immaginare
la forza di un culto così antico
e questa strada non sarebbe disperata
se in ogni uomo ci fosse un po' della mia vita
ma piano piano il mio destino
é andare sempre più verso me stesso
e non trovar nessuno.

L'appartenenza
non è lo sforzo di un civile stare insieme
non è il conforto di un normale voler bene
l'appartenenza
è avere gli altri dentro di sé.

L'appartenenza
è assai di più della salvezza personale
è la speranza di ogni uomo che sta male

e non gli basta esser civile.
E' quel vigore che si sente se fai parte di qualcosa
che in sé travolge ogni egoismo personale
con quell'aria più vitale che è davvero contagiosa.

Uomini
uomini del mio presente
non mi consola l'abitudine
a questa mia forzata solitudine
io non pretendo il mondo intero
vorrei soltanto un luogo un posto più sincero
dove magari un giorno molto presto
io finalmente possa dire questo è il mio posto
dove rinasca non so come e quando
il senso di uno sforzo collettivo per ritrovare il mondo.

L'appartenenza
non è un insieme casuale di persone
non è il consenso a un'apparente aggregazione
l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé.

L'appartenenza
è un'esigenza che si avverte a poco a poco
si fa più forte alla presenza di un nemico, di un obiettivo o di uno scopo
è quella forza che prepara al grande salto decisivo
che ferma i fiumi, sposta i monti con lo slancio di quei magici momenti
in cui ti senti ancora vivo.


Sarei certo di cambiare la mia vita se potessi cominciare a dire noi.
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-31-2010, 10:30 AM   #2
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Testi

ANCHE UN UOMO - MINA

Ragazza mia ti spiego gli uomini
ti servirà quando li adopererai
son tanto fragili, fragili tu
maneggiali con cura
fatti di briciole, briciole che
l'orgoglio tiene su
ragazza mia sei bella e giovane
ma pagherai ogni cosa che otterrai
devi essere forte ma forte perché
dipenderà da te
tu sei l'amore il calore che avrà
la vita che vivrai.
anche un uomo può sempre avere un'anima
ma non credere che l'userà per capire te
anche un uomo può essere dolcissimo
specialmente se al mondo oramai
gli resti solo tu.
Ragazza mia adesso sai com'è
quell'uomo che mi porti via e vuoi per te.
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-02-2010, 10:11 AM   #3
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Testi

Fiorella Mannoia - 2009 Ho imparato a sognare

Dicono che c'è un tempo per seminare
e uno che hai voglia ad aspettare
un tempo sognato che viene di notte
e un altro di giorno teso
come un lino a sventolare.

C'è un tempo negato e uno segreto
un tempo distante che è roba degli altri
un momento che era meglio partire
e quella volta che noi due era meglio parlarci.

C'è un tempo perfetto per fare silenzio
guardare il passaggio del sole d'estate
e saper raccontare ai nostri bambini quando
è l'ora muta delle fate.

C'è un giorno che ci siamo perduti
come smarrire un anello in un prato
e c'era tutto un programma futuro
che non abbiamo avverato.

È tempo che sfugge, niente paura
che prima o poi ci riprende
perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo
per questo mare infinito di gente.

Dio, è proprio tanto che piove
e da un anno non torno
da mezz'ora sono qui arruffato
dentro una sala d'aspetto
di un tram che non viene
non essere gelosa di me
della mia vita
non essere gelosa di me
non essere mai gelosa di me.

C'è un tempo d'aspetto come dicevo
qualcosa di buono che verrà
un attimo fotografato, dipinto, segnato
e quello dopo perduto via
senza nemmeno voler sapere come sarebbe stata
la sua fotografia.

C'è un tempo bellissimo tutto sudato
una stagione ribelle
l'istante in cui scocca l'unica freccia
che arriva alla volta celeste
e trafigge le stelle
è un giorno che tutta la gente
si tende la mano
è il medesimo istante per tutti
che sarà benedetto, io credo
da molto lontano
è il tempo che è finalmente
o quando ci si capisce
un tempo in cui mi vedrai
accanto a te nuovamente
mano alla mano
che buffi saremo
se non ci avranno nemmeno
avvisato.

Dicono che c'è un tempo per seminare
e uno più lungo per aspettare
io dico che c'era un tempo sognato
che bisognava sognare.
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-04-2010, 11:37 AM   #4
LaGabbianella
Amico*
 
L'avatar di LaGabbianella
 
Data Registrazione: Nov 2008
Località: roma
Messaggi: 261
Predefinito Riferimento: Testi

Giorgia- 2001 Il Tempo

Io mi ricordo del tempo che fu


eravamo bambini ci stavi anche tu

l'estate, il sudore, il grano e l'amore

mi ricordo mia madre era bella lo so

avrei dato l'anima per fermare il tempo

per nascondermi

e difendermi

avrei dato l'anima per capire il senso

delle cose che succedono

e che passano segnandoti

i ricordi poi sbiadiscono

e


noi qui a cercare il modo


per essere felici e sopravvivere


e vivere


tu lascia che quest'anima


possa crescere e ridere


e non aver paura mai


del tempo e delle lacrime, sopravvivere


e vivere


io sto parlando di un tempo che è


scrivo in questo momento


e canto per te


le rose, le spine, l'onore e il sapore


siamo quello che siamo io altro non so
__________________
solo facendo l'asino sono giunto alla saggezza...
LaGabbianella è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-05-2010, 11:33 PM   #5
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Testi

Ci sei sempre stata - Ligabue

Più ti guardo e meno lo capisco
da che posto vieni
forse sono stati tanti posti
tutti da straniera

chi ti ha fatto gli occhi e quelle gambe
ci sapeva fare
chi ti ha dato tutta la dolcezza
ti voleva bene

quando il cielo non bastava
non bastava la brigata
eri solo da incontrare
ma tu ci sei sempre stata

quando si allungava l'ombra
sopra tutta la giornata
eri solo più lontana
ma tu ci sei sempre stata

più ti guardo e più mi meraviglio
e più ti lascio fare
che ti guardo e anche se mi sbaglio
almeno sbaglio bene

il futuro è tutto da vedere
tu lo vedi prima
me lo dici vuoi che mi prepari
e sorridi ancora...

quando il tempo non passava
non passava la nottata
eri solo da incontrare
ma tu ci sei sempre stata

e anche quando si gelava
con la luna già cambiata
eri solo più lontana
ma tu ci sei sempre stata

nemmeno un bacio
che sia stato mai sprecato
nemmeno un gesto così…
nemmeno un bacio
che sia stato regalato
nemmeno un gesto
tanto per
così

Più ti guardo e meno lo capisco
quale giro hai fatto
ora parte tutto un altro giro
e ho già detto tutto

quando il cielo non bastava
non bastava la brigata
eri solo da incontrare
ma tu ci sei sempre stata

quando il tempo non passava
non passava la nottata
eri solo più lontana
ma tu ci sei sempre stata

delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-06-2010, 10:09 PM   #6
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Testi

MANUEL MOLLICONE (musica e testi) - artista, poeta, amico
Se non è per sempre - Tu sei..meravigliosa - Chi sei tu?

SE NON È PER SEMPRE

E se questo fosse il mio ultimo giorno
Che cosa ho fatto per meritarlo
Perché il cuore batte ma non lo decido io
Basta poco per cadere nell’oblio
E se questo fosse il mio ultimo giorno
Un viaggio solo andata senza ritorno
Quanto varrebbe quest’ultimo istante
Così effimero eppure così importante
E se questo fosse il mio ultimo giorno
L’ultima occasione per ricevere un tuo sguardo
Una carezza che sa di eterno
Un abbraccio materno
Ma se è vero che ogni fine
è soltanto un nuovo inizio
Cos’è che dà valore a questo momento?

Se non è per sempre meglio che non ci sia domani
Perché questo istante ha senso se ha dentro l’eternità
Se questo istante ha dentro la mia felicità

E se questo fosse il mio ultimo giorno
Non voglio perdere neanche un minuto
Perché quello di cui ho bisogno
Io l’ho già incontrato
Allora è vero che ogni fine è soltanto un nuovo inizio
E niente di quello che ho vissuto andrà perduto

Se non è per sempre meglio che non ci sia domani
Questo istante ha senso per chi ha dentro l’eternità
Ha senso perché ha dentro la mia felicità


TU SEI..MERAVIGLIOSA


E' nata così,
all'improvviso,
una storia che,
non avevamo deciso,

E più passa il tempo,
e più mi rendo conto,
del dono immenso,
senza confronto.

Del dono che tu sei per me,
della grazia che,
hai portato con te,
perché tu sei...

Meravigliosa come la luna,
che brilla di una luce che non è sua,
meravigliosa come la luna,
ti prego splendi ancora, risplendi per me.

Ti guardo e ogni volta
riesci a sorprendermi,
c'è sempre qualche cosa,
che mi sfugge.

Con te io ritrovo,
una bellezza senza misure,
capace di vincere,
tutte le nostre paure.

quello che porti,
forse neanche tu lo sai,
ed è veramente grande,
perché tu sei...

Meravigliosa come la luna,
che brilla di una luce che non è sua,
meravigliosa come la luna,
ti prego splendi ancora, risplendi per me.


CHI SEI TU?


Quanta gente mi passa accanto,
ed io neanche me ne accorgo,
perso nella mia solitudine,
nella monotona abitudine.

Ma qualcosa all'improvviso,
un bagliore sul tuo viso,
mi distrae dai miei pensieri,
adesso niente sarà più come ieri.

Chi sei tu che riesci a riaprirmi il cuore?
Chi sei tu? Ho bisogno di sapere.

Eppure lentamente,
ma inesorabilmente,
mi faccio sopraffare dalle cose di sempre,
e torno in uno stato di morte apparente.

Apro gli occhi e un nuovo giorno prende vita,
la notte ormai è finita.
Oggi qualcosa deve accadere!
Non voglio più aspettare!

Chi sei tu che riesci a riaprirmi il cuore?
Chi sei tu? Ho bisogno di sapere.

Tu....

Chi sei tu che riesci a riaprirmi il cuore?
Ho bisogno di tornare a sperare...



delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-12-2010, 12:58 PM   #7
Essenza
Moderatore*
 
L'avatar di Essenza
 
Data Registrazione: Dec 2007
Messaggi: 6.808
Predefinito Riferimento: Testi

La tua favola è un'incantesimo
non finisce mai...
La racconto a chi non la conosce ancora, corri libera per le praterie col tuo principe.
Vivi nel castello fra l'oceano e il cielo, per mantello hai una cometa e ti riposi sopra un fiore poi ti dondoli fra le lucciole per risplendere sulla tua altalena dell'arcobaleno.
Se questa favola ci fossi anch'io, ti vedrei una volta ancora bella come sei.
Vorrei lottare contro il drago, così ti accorgeresti anche di me ma non ho visto nessun drago allora il drago forse sono io...
Ti addormenterai avvolgendoti nelle nuvole e ti cullano le onde le farfalle.
Senza lacrime e paura
senza inverno e buio
senza lacrime e paura
senza inverno e buio;
se in questa favola ci fossi anch'io,
ti vedrei ancora una volta bella come sei.
Forse riuscire a sfiorarti ma senza farti accorgere di me,
sono un drago che ti adora
e non può non farti male,
sono un drago che ti adora e non può non farti male.
Ora posso solo raccontarti che raccontando m'innamoro...
(Max Gazzè Il Drago Che ti Adora)
__________________

Sii come il fumo: sali,
pensa che nell'evadere nessuno dirà
«ti ebbi e ho potuto misurarti».
(José Hierro)

Essenza è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-12-2010, 06:36 PM   #8
Rosanna
Amico*
 
L'avatar di Rosanna
 
Data Registrazione: Jan 2007
Località: in un posto che conoscono gli aironi: li nel regno dei Cieli
Messaggi: 4.418
Invia un messaggio via MSN a Rosanna
Predefinito Riferimento: Testi

Veni l'autunnu


Veni l'autunnu
scura cchiù prestu
l'albiri peddunu i fogghi
e accumincia a scola
da mari già si sentunu i riuturi
e a mari già si sentunu i riuturi.
Mo patri m'insignau lu muraturi
pi nan sapiri leggiri e scriviri
è inutili ca 'ntrizzi
e fai cannola
lu santu è di mammuru
e nan sura.
Sparunu i bummi
supra a Nunziata
'n cielu fochi di culuri
'n terra aria bruciata
e tutti appressu o santu
'nda vanedda
Sicilia bedda mia
Sicilia bedda.
Chi stranu e cumplicatu sintimentu
gnonnu ti l'aia diri
li mo peni
cu sapi si si in gradu di capiri
no sacciu comu mai
ti vogghiu beni.

Messmuka issmi khalifa
adrussu 'allurata al 'arabiata
likulli schain uactin ua azan.
Likulli helm muthabir amal
E ti vengo a cercare


E ti vengo a cercare
anche solo per vederti o parlare
perché ho bisogno della tua presenza
per capire meglio la mia essenza.
Questo sentimento popolare
nasce da meccaniche divine
un rapimento mistico e sensuale
mi imprigiona a te.
Dovrei cambiare l'oggetto dei miei desideri
non accontentarmi di piccole gioie quotidiane
fare come un eremita
che rinuncia a sé.
E ti vengo a cercare
con la scusa di doverti parlare
perché mi piace ciò che pensi e che dici
perché in te vedo le mie radici.
Questo secolo oramai alla fine
saturo di parassiti senza dignità
mi spinge solo ad essere migliore
con più volontà.
Emanciparmi dall'incubo delle passioni
cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male
essere un'immagine divina
di questa realtà.
E ti vengo a cercare
perché sto bene con te
perché ho bisogno della tua presenza.

FISIOGNOMICA
FRANCO BATTIATO
__________________
Chi trova un amico trova un tesoro!
Rosanna è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-22-2010, 12:37 PM   #9
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Testi

Sogna, ragazzo sogna - Roberto Vecchioni

E ti diranno parole
rosse come il sangue, nere come la notte;
ma non è vero, ragazzo,
che la ragione sta sempre col più forte; io conosco poeti
che spostano i fiumi con il pensiero,
e naviganti infiniti
che sanno parlare con il cielo.
Chiudi gli occhi, ragazzo,
e credi solo a quel che vedi dentro;
stringi i pugni, ragazzo,
non lasciargliela vinta neanche un momento;
copri l'amore, ragazzo,
ma non nasconderlo sotto il mantello;
a volte passa qualcuno,
a volte c'è qualcuno che deve vederlo.

Sogna, ragazzo sogna
quando sale il vento
nelle vie del cuore,
quando un uomo vive
per le sue parole
o non vive più;
sogna, ragazzo sogna,
non cambiare un verso
della tua canzone,
non fermarti tu...

Lasciali dire che al mondo
quelli come te perderanno sempre;
perchè hai già vinto, lo giuro,
e non ti possono fare più niente;
passa ogni tanto la mano
su un viso di donna, passaci le dita;
nessun regno è più grande
di questa piccola cosa che è la vita

E la vita è così forte
che attraversa i muri senza farsi vedere
la vita è così vera
che sembra impossibile doverla lasciare;
la vita è così grande
che quando sarai sul punto di morire,
pianterai un ulivo,
convinto ancora di vederlo fiorire


Sogna, ragazzo sogna,
quando lei si volta,
quando lei non torna,
quando il solo passo
che fermava il cuore
non lo senti più ;
sogna, ragazzo, sogna,
passeranno i giorni,
passerrà l'amore,
passeran le notti,
finirà il dolore,
sarai sempre tu ...

Sogna, ragazzo sogna,
piccolo ragazzo
nella mia memoria,
tante volte tanti
dentro questa storia:
non vi conto più;
sogna, ragazzo, sogna,
ti ho lasciato un foglio
sulla scrivania,
manca solo un verso
a quella poesia,
puoi finirla tu.
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-22-2010, 12:40 PM   #10
Essenza
Moderatore*
 
L'avatar di Essenza
 
Data Registrazione: Dec 2007
Messaggi: 6.808
Predefinito Riferimento: Testi

Ho sentito dire che c'e' un matto in giro con le tasche
piene di parole e sogni che nessuno ha realizzato
e non sa coltivare se non dentro la sua testa vuota
e dentro le speranze di chi non ha mai deciso niente
sono ancora avvolti in cellophane e carta d'alluminio
e pesano di tutti quei rimpianti che ogni uomo ha dentro
e pensano che siano ottimi rimedi contro il tempo
perche' possa un giorno muoversi in un altro senso

ho sentito dire che quel matto e' ancora in giro adesso
e vomita parole da un megafono che resta spento
e non si da' mai pace fino a quando ogni sguardo e' appeso
alle sue tasche ancora troppo piene di conigli e fiori
e solo adesso me ne rendo conto che non c'e' nessuno in giro
e che e' soltanto quel che penso mentre poi mi guardo intorno
cio' che vedo e' il mio riflesso su uno specchio troppo stanco
di morirmi sempre addosso

quel matto son io
che vorrebbe un cappello piu' grande
ed un paio di mani piu' attente
che nascondan bene perfino alla gente
il segreto
di quel che son io
che se avessi un cappello piu' grande
ti terrei da quel mondo distante
tra fiori e conigli non pesa alla gente il segreto
di te
tra fiori e conigli perfino la gente ha paura
di me

ho sentito ridere dell'uomo e delle debolezze
ogni volta che per ogni sbaglio ha perso le certezze
dentro a quel cilindro nero non nasconde piu' sorprese
solo quello che rimane senza trucco e senza attese
sembra un pozzo senza fine e senza fiori da mostrare
i conigli tremano non sanno piu' scappare
poi mi guardo intorno
e' sbiadito il mio riflesso
su uno specchio troppo stanco
di morirmi sempre addosso

quel matto son io
che vorrebbe un cappello piu' grande
ed un paio di mani piu' attente
che nascondan bene perfino alla gente
il segreto
di quel che son io
che se avessi un cappello piu' grande
ti terrei da quel mondo distante
tra fiori e conigli
non pesa alla gente
il segreto
di quel che son io
tu sai chi son io
che se avessi un cappello piu' grande
ti terrei da quel mondo distante
tra fiori e conigli
non pesa alla gente
il segreto di te
tra fiori e conigli
non pesa alla gente
il segreto di me
tra fiori e conigli
perfino la gente
ha paura di me
(Negramaro)
__________________

Sii come il fumo: sali,
pensa che nell'evadere nessuno dirà
«ti ebbi e ho potuto misurarti».
(José Hierro)

Essenza è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-06-2010, 05:11 PM   #11
Essenza
Moderatore*
 
L'avatar di Essenza
 
Data Registrazione: Dec 2007
Messaggi: 6.808
Predefinito Riferimento: Testi

BORKED
__________________

Sii come il fumo: sali,
pensa che nell'evadere nessuno dirà
«ti ebbi e ho potuto misurarti».
(José Hierro)

Essenza è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-09-2010, 03:08 PM   #12
Lilly '94
Member
 
L'avatar di Lilly '94
 
Data Registrazione: Nov 2010
Località: ...finalmente Catania!
Messaggi: 43
Invia un messaggio via MSN a Lilly '94
Predefinito Riferimento: Testi

Uno su mille ce la fa
(Gianni Morandi)


Se sei a terra non strisciare mai
se ti diranno "sei finito"…non ci credere

devi contare solo su di te



Uno su mille ce la fa

ma quanto è dura la salita

in gioco c’è la vita



Il passato non potrà

tornare uguale mai

forse meglio perché no, tu che ne sai

non hai mai creduto in me

ma dovrai cambiare idea



La vita è come la marea

ti porta in secca o in alto mare

com’è la luna va



Non ho barato né bluffato mai

e questa sera ho messo a nudo la mia anima

ho perso tutto ma ho ritrovato me



Uno su mille ce la fa

ma quanto è dura la salita

in gioco c’è la vita



Tu non sai che peso ha

questa musica leggera

ti ci innamori e vivi ma ci puoi morire quando è sera

io di voce ce ne avrei

ma non per gridare aiuto



Nemmeno tu mi hai mai sentito

mi son tenuto il mio segreto

tu sorda e io ero muto



Se sei a terra non strisciare mai

Se ti diranno: "sei finito"…non ci credere

Finchè non suona la campana vai.
__________________
The time has come for my dreams to be heard.
Lilly '94 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-17-2010, 09:58 AM   #13
magnifico991
Junior Member
 
Data Registrazione: Dec 2010
Messaggi: 12
Predefinito Riferimento: Testi

In questi giorni, visto il fervore politico e non che c'é nell'aria, quale miglior testo se non questo per descrivere al meglio il mio stato d'animo.
Il Bombarolo, Fabrizio de André.

Chi va dicendo in giro
che odio il mio lavoro
non sa con quanto amore
mi dedico al tritolo,
è quasi indipendente
ancora poche ore
poi gli darò la voce
il detonatore.

Il mio Pinocchio fragile
parente artigianale
di ordigni costruiti
su scala industriale
di me non farà mai
un cavaliere del lavoro,
io sono d'un'altra razza,
son bombarolo.

Nello scendere le scale
ci metto più attenzione,
sarebbe imperdonabile
giustiziarmi sul portone
proprio nel giorno in cui
la decisione è mia
sulla condanna a morte
o l'amnistia.

Per strada tante facce
non hanno un bel colore,
qui chi non terrorizza
si ammala di terrore,
c'è chi aspetta la pioggia
per non piangere da solo,
io sono d'un altro avviso,
son bombarolo.

Intellettuali d'oggi
idioti di domani
ridatemi il cervello
che basta alle mie mani,
profeti molto acrobati
della rivoluzione
oggi farò da me
senza lezione.

Vi scoverò i nemici
per voi così distanti
e dopo averli uccisi
sarò fra i latitanti
ma finché li cerco io
i latitanti sono loro,
ho scelto un'altra scuola,
son bombarolo.

Potere troppe volte
delegato ad altre mani,
sganciato e restituitoci
dai tuoi aeroplani,
io vengo a restituirti
un po' del tuo terrore
del tuo disordine
del tuo rumore.

Così pensava forte
un trentenne disperato
se non del tutto giusto
quasi niente sbagliato,
cercando il luogo idoneo
adatto al suo tritolo,
insomma il posto degno
d'un bombarolo.

C'è chi lo vide ridere
davanti al Parlamento
aspettando l'esplosione
che provasse il suo talento,
c'è chi lo vide piangere
un torrente di vocali
vedendo esplodere
un chiosco di giornali.

Ma ciò che lo ferì
profondamente nell'orgoglio
fu l'immagine di lei
che si sporgeva da ogni foglio
lontana dal ridicolo
in cui lo lasciò solo,
ma in prima pagina
col bombarolo.


magnifico991 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-19-2010, 03:24 PM   #14
Samuraigirl
Amico*
 
Data Registrazione: Aug 2010
Messaggi: 322
Invia un messaggio via MSN a Samuraigirl Invia un messaggio tramite Skype™ a Samuraigirl
Predefinito Riferimento: Testi

IL TESTAMENTO DI TITO
Non avrai altro Dio all'infuori di me,
spesso mi ha fatto pensare:
genti diverse venute dall'est
dicevan che in fondo era uguale.

Credevano a un altro diverso da te
e non mi hanno fatto del male.
Credevano a un altro diverso da te
e non mi hanno fatto del male.

Non nominare il nome di Dio,
non nominarlo invano.
Con un coltello piantato nel fianco
gridai la mia pena e il suo nome:

ma forse era stanco, forse troppo occupato,
e non ascoltò il mio dolore.
Ma forse era stanco, forse troppo lontano,
davvero lo nominai invano.

Onora il padre, onora la madre
e onora anche il loro bastone,
bacia la mano che ruppe il tuo naso
perché le chiedevi un boccone:

quando a mio padre si fermò il cuore
non ho provato dolore.
Quanto a mio padre si fermò il cuore
non ho provato dolore.

Ricorda di santificare le feste.
Facile per noi ladroni
entrare nei templi che rigurgitan salmi
di schiavi e dei loro padroni

senza finire legati agli altari
sgozzati come animali.
Senza finire legati agli altari
sgozzati come animali.

Il quinto dice non devi rubare
e forse io l'ho rispettato
vuotando, in silenzio, le tasche già gonfie
di quelli che avevan rubato:

ma io, senza legge, rubai in nome mio,
quegli altri nel nome di Dio.
Ma io, senza legge, rubai in nome mio,
quegli altri nel nome di Dio.

Non commettere atti che non siano puri
cioè non disperdere il seme.
Feconda una donna ogni volta che l'ami
così sarai uomo di fede:

Poi la voglia svanisce e il figlio rimane
e tanti ne uccide la fame.
Io, forse, ho confuso il piacere e l'amore:
ma non ho creato dolore.

Il settimo dice non ammazzare
se del cielo vuoi essere degno.
Guardatela oggi, questa legge di Dio,
tre volte inchiodata nel legno:

guardate la fine di quel nazzareno
e un ladro non muore di meno.
Guardate la fine di quel nazzareno
e un ladro non muore di meno.

Non dire falsa testimonianza
e aiutali a uccidere un uomo.
Lo sanno a memoria il diritto divino,
e scordano sempre il perdono:

ho spergiurato su Dio e sul mio onore
e no, non ne provo dolore.
Ho spergiurato su Dio e sul mio onore
e no, non ne provo dolore.

Non desiderare la roba degli altri
non desiderarne la sposa.
Ditelo a quelli, chiedetelo ai pochi
che hanno una donna e qualcosa:

nei letti degli altri già caldi d'amore
non ho provato dolore.
L'invidia di ieri non è già finita:
stasera vi invidio la vita.

Ma adesso che viene la sera ed il buio
mi toglie il dolore dagli occhi
e scivola il sole al di là delle dune
a violentare altre notti:

io nel vedere quest'uomo che muore,
madre, io provo dolore.
Nella pietà che non cede al rancore,
madre, ho imparato l'amore
Samuraigirl è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-20-2010, 10:02 AM   #15
magnifico991
Junior Member
 
Data Registrazione: Dec 2010
Messaggi: 12
Predefinito Riferimento: Testi

Questa é una delle canzoni che piú preferisco di Fabrizio De André.
E' una delle poche canzoni autobiografiche che scrisse e parla di una ragazza (tale Roberta) che frequentó per un periodo tra la prima moglie e Dori Ghezzi e con la quale ebbe una relazione di circa due anni.
Ci sono alcuni passaggi nei quali mi sono rivisto in parecchie situazioni passate, ma poi alla fine si sa...De André era un autore, un cantante e un artista di quelli che tutto il mondo ci dovrebbe invidiare..


Tua madre ce l'ha molto con me
perché sono sposato e in più canto
però canto bene e non so se tua madre
sia altrettanto capace a vergognarsi di me.

La gazza che ti ho regalato
è morta, tua sorella ne ha pianto,
quel giorno non avevano fiori, peccato,
quel giorno vendevano gazze parlanti.

E speravo che avrebbe insegnato a tua madre
A dirmi "Ciao come stai ", insomma non proprio a cantare
per quello ci sono già io come sai.
I miei amici sono tutti educati con te
però vestono in modo un po' strano
mi consigli di mandarli da un sarto e mi chiedi
"Sono loro stasera i migliori che abbiamo ".

E adesso ridi e ti versi un cucchiaio di mimosa
Nell'imbuto di un polsino slacciato.
I miei amici ti hanno dato la mano,
li accompagno, il loro viaggio porta un po' più lontano.

E tu aspetta un amore più fidato
il tuo accendino sai io l'ho già regalato
e lo stesso quei due peli d'elefante
mi fermavano il sangue
li ho dati a un passante.

Poi il resto viene sempre da sé
i tuoi "Aiuto" saranno ancora salvati
io mi dico è stato meglio lasciarci
che non esserci mai incontrati.

Ultima modifica di Essenza; 01-09-2011 alle 06:04 PM
magnifico991 è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 08:31 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs