AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Parole > Racconti

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 04-10-2012, 09:45 PM   #1
**Fallenstar**
Junior Member
 
Data Registrazione: Jun 2010
Località: Vivo nella terza stella a destra, un luogo dove i sogni possono diventare realtà
Messaggi: 26
Invia un messaggio via Yahoo a **Fallenstar**
Lightbulb Be yourself ..and write

Capitolo 1°
Hilary stava dormendo seduta sulla scrivania, accanto al computer, aveva scritto per tutta la notte e ne era felice, forse stanca, ma felice. Scrivere era la sua passione più grande e la faceva stare bene, era una sensazione di gioia indescrivibile che solo chi come lei amava la scrittura poteva capire. All'improvviso, nella sua camera irruppe la madre, Serena, una donna dai lunghi capelli castano chiaro raccolti in una croccia e gli occhi marroni che indossava un tailleur molto blu scuro. Lavorava come manager in una grossa azienda di Chicago e pretendeva il massimo da sua figlia sempre, perchè sapeva che se si impegnava era molto brava - ma per esserlo non doveva avere distrazioni.
< Hilary! Accidenti ti avevo di non scrivere ieri sera!> esclamò.
Gloria si svegliò improvvisamente e dopo essersi sfregata gli occhi, ancora assonnata le rispose:< L'avrei fatto comunque, perchè amo farlo.>
< Avresti dovuto fare altri esercizi di economia.>
era brava in economia, era brava in quasi tutte le materie, forse un po' le piaceva studiare ma il tempo libero era pur sempre tempo libero e soltanto lì poteva essere sè stessa e fare ciò che la rendeva felice.
< Ma li avevo già fatti durante il pomeriggio, perchè avrei dovuto farne ancora?>
< Perchè devi migliorare, Helen è molto più brava di te e lei di sicuro non perde tempo facendo cose da ragazzine.>
< Non capirai mai.> le rispose Gloria:< Adesso puoi uscire dalla mia camera, così mi preparo?>
< Okay.>
Serena uscì e lei poté finalmente essere libera. Si tolse di dosso il pigiama e s'infilò un paio di jeans e una maglia a maniche lunghe rossa e si pettinò i lunghi capelli lisci biondi - aveva gli stessi occhi di suo padre Carl, glielo dicevano tutti. Poi andò in cucina, dove Michael, suo fratello (di un anno più grande di lei) le disse, scompigliandosi i capelli castani:< Ciao sorellina, come va?>
< Beh potrebbe anare meglio..Sai, mamma ha rincominciato col dirmi che dovrei fare più esercizi di economia, almeno li alterna, un mese economia e un mese matematica.>
< E a che punto sei con il romanzo?>
< Ho scritto tutta la notte, ed è per questo che ho dormito sulla scrivania..> gli sorrise:< sono un po' indolenzita.>
< Ti capisco, io sono lo stesso dopo un ora di allenamenti di football.>
< Sì, ma nè mamma nè papà ti dicono che non dovresti farli.>
< Non dargli retta. Tu continua a seguire il tuo sogno.>
< Non so davvero come farei senza di te.>
Mike fece finta di non saperlo e in seguito aggiunse:< Mmh, io lo so..Niente!>
I due scoppiarono a ridere allegramente, ma la loro contentezza venne smorzata dall'arrivo di Carl. Mentre il padre li sgridava il campanello suonò.
< Vado io.> disse Mike, aprendo la porta:< Ciao Jake!>
< Ti avevo detto che sarei venuto, malfidente.> ribatté Jake e si rivolse ad Hilary:< Ciao Hil.>
Non l'aveva mai detto a nessuno, ma era innamorata di Jake da così tanto tempo che non se lo ricordava neanche. Jake era alto, aveva i capelli neri e gli occhi marroni ed era aitante e sexy e le sue poche ex ragazze (tra cui Helen) la pensano allo stesso modo. Ma Jake non era solo questo, era anche il migliore amico di suo fratello, tutti e tre infatti si conoscevano da una vita e i loro genitori erano stati compagni di classe alle superiori.
< Ciao Jake.>
< Come va, pronta per il primo giorno?>
< Ehm..Non molto.>
< Strano, l'anno scorso non vedevi l'ora..>
< Fingevo.> ho sempre finto, finora. Non ho mai detto agli altri qual'era la mia vera passione perchè so che avrebbero preso in giro per questo, anche se la letteratura è apprezzata dai miei professori, non vuol dire niente. Sono sicura che se i miei compagni di classe lo venissero a sapere prima mi tormenterebbero, e poi mi sfiderebbero e non ho la forza di affrontare entrambe le cose contemporaneamente.
< Sei stata brava a fingere, ma non preoccuparti, anche a me non piace molto la scuola, ma ci vado perchè devo.>
< Non capisci io non..>
< Tranquilla. Io ti capisco meglio di chiunque altro... Ecco perchè ci conosciamo da sempre.>
Gloria sorrise. Jake aveva davvero capito qual'era il vero motivo per il quale fingeva? Mike non poteva avergli detto qual'era la sua passione perchè gli aveva imposto di non dirglielo. C'era qualcos'altro sotto.

Stava per iniziare un nuovo anno alla Sterne High School e le cose sarebbero cambiate. Non avrebbe continuato a tenere nascosta la sua passione, avrebbe affrontato la situazione che le si sarebbe presentata a testa alta, perchè non aveva niente di cui vergognarsi.


CONTINUA
**Fallenstar** è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 09:51 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs