AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Parole > Racconti

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 11-06-2010, 07:15 AM   #1
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Sul dolore...

Dal quarto canto dell'Eneide di Virgilio
-------------------------------------------
Allora Didone, tremante, esasperata
per il suo scellerato disegno, volgendo
attorno gli occhi iniettati di sangue, le gote sparse
di livide macchie e pallida della prossima morte,
irrompe nelle stanze interne della casa
e sale furibonda l'alto rogo, sguaina
la spada dardiana, regalo non chiesto per simile scopo.

Dopo aver guardato le vesti lasciate da Enea
e il noto letto, dopo aver indugiato un poco
in lagrime di pensieri, si gettò su quel letto
lunga e distesa e disse poche, estreme parole:
" O relique, che foste così dolci finche
lo permettevano i Fati e un Dio: ora accogliete
quest'anima, scioglietemi da tutti i miei tormenti.

Vissi, ho compiuto il cammino concessomi dalla Fortuna,
e adesso un'immagine grande di me se ne andrà sottoterra.
Fondai una grande città, vidi sorgerne alte le mura,
vendicai il marito, inflissi al fratello nemico
giuste pene: felice, ahi, troppo felice se solo
non fossero mai arrivate ai nostri nidi sabbiosi
navi dardiane!". Disse e premé la bocca sul letto.
"Moriamo senza vendetta - riprese. - Ma moriamo.
Così, anche così giova scendere alle Ombre.
Il crudele Troiano vedrà dall'alto del mare
il fuoco e trarrà funesti presagi dalla mia morte".
Tra queste parole le ancelle la vedono abbandonarsi
sul ferro e vedon la lama spumante di sangue,
vedono sporche di sangue le mani. Un grido si leva
per tutta la reggia, la fama s'avventa
infuria per la città, le case fremano d'urla,
di lamenti e di gemiti di donne, l'aria suona
di grandi pianti, come se Cartagine o Tiro
invase dai nemici crollassero, e rabbiose
le fiamme s'attorcessero tra le case ed i templi.

La sorella sentì la notizia e atterrita
con una corsa affannosa, graffiandosi la faccia
con le unghie, picchiandosi i pugni contro il petto,
attraversa la folla chiamando la morente
per nome: " Sorella, per questo mi volevi? Che inganno
doloroso! Per questo che volevi il rogo, i fuochi
e gli altari? Che cosa dovrò pianger di più:
la tua morte o questo disperato esser sola
nella morte? Sorella, perché non m'hai voluta
tua compagna morendo? M'avessi tu chiamata
ad una stessa morte: un egual dolore
ed una stessa ora ci avrebbe colte entrambe.

Ed io con queste mani eressi il rogo, invocai
gli Dei patrii, per essere da te lontana nell'ora
della morte! Sorella, hai ucciso te e me
e il popolo e i padri sidoni e tutta la tua città!
Ma adesso lasciatemi lavare la ferita,
lasciatemi raccogliere con le labbra l'estremo
suo alito, se ancora le aleggia intorno un soffio
di vita!". Precipitosa era salita sugli alti
gradini del rogo e abbracciata la sorella morente
la stringeva gemendo al seno e con la veste
tentava di asciugare il nero sangue. Didone
mentre cerca di alzare gli occhi che non riuscivano
a stare aperti sviene; la ferita profonda
nel petto stride: Tre volte riuscì a levarsi sul gomito,
tre volte ricadde sul letto: nell'alto cielo cercò
con gli occhi erranti la luce, vedendola gemette.

Allora Giunone, pietosa del suo lungo dolore
e della straziante agonia, mandò giù dall'Olimpo
Iride, che liberasse l'anima che lottava
invano per svincolarsi dai legami del corpo.
Poiché lei non moriva di giusta morte, decisa
dal Fato, ma anzitempo in un accesso d'ira,
Proserpina non le aveva ancora strappato di testa
il biondo fatale capello e non aveva ancora
consacrato il suo capo all'Inferno e allo Stige.
La rugiadosa Iride con le sue penne di croco
brillanti contro sole di mille varii colori
volò attraverso il cielo e si fermò su di lei.
"Questo capello - disse - porto consacrato a Dite
per ordine divino, e ti sciolgo da queste
tue membra ". Con la destra strappò il capello: insieme
si spense il calore nel corpo, la vita svanì nel vento
------------------------------------------------------------
In un alternarsi continuo di illusioni e delusioni, dì tormento e di estasi, d'invettive e di preghiere, di orgogliose impennate e di umiliazioni volute, si giunge all'epilogo: vince ancora l'amore che vede come unica soluzione la morte. Il rogo che brucia e purifica le sue spoglie mortali, le vesti e la spada dell'amato.

__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...

Ultima modifica di enrichetto; 11-06-2010 alle 07:31 AM
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-06-2010, 10:33 PM   #2
Tulipano
Amico*
 
L'avatar di Tulipano
 
Data Registrazione: Jan 2008
Messaggi: 1.672
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Che lettura!! Mi piacciono queste descrizioni così appassionate, profonde...ah!!
Tulipano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-09-2010, 08:37 AM   #3
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Tuli scrive:
Citazione:
Che lettura!! Mi piacciono queste descrizioni così appassionate, profonde...ah!!


Si e’ un passo molto bello….la passione impossibile tra Didone e Enea.
Brevemente…
scappato da Troia in fiamme Enea nel suo peregrinare arriva a Cartagine dove conosce la regina Didone.Si innamorano follemente…travolti dalla passione .lei trascura i suoi impegni di regina e lui dimentica la sua missione.
Finche’ Giove fara’ tornare in se’ l’eroe troiano .
La regina lo affronta ,ma lui, freddo,lascia Cartagine.
Didone ordina di mettere insieme tutto quello quello che il suo amante ha lasciato sul letto nuziale e di darlo alle fiamme.Distrutta dal dolore per l’abbandono,brucera’ nella pira trafiggendosi con la spada insieme con i ricordi di Enea
Lui invece illeso da una passione troppo avvolgente sbarchera’sulle coste del Lazio
( a proposito beccateve sto 2 a 0 scusate l'o.t. )
dove il re latino gli promettera’ sua sposa la figlia Lavinia.
La figura di Didone estremamente femmnile, ha la forza come caratteristica…si arrende solo al Fato. E non perdonera’ Enea neanche quando,nell’Ade,si rincontreranno.

« Grido e brucia il mio cuore senza pace
Da quando più non sono
Se non cosa in rovina e abbandonata »
G. Ungaretti


Me piace sta storia….so’ un passionale
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-09-2010, 10:25 AM   #4
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio
Brevemente…
scappato da Troia in fiamme Enea nel suo peregrinare arriva a Cartagine dove conosce la regina Didone.Si innamorano follemente…travolti dalla passione .lei trascura i suoi impegni di regina e lui dimentica la sua missione.
Finche’ Giove fara’ tornare in se’ l’eroe troiano .
La regina lo affronta ,ma lui, freddo,lascia Cartagine.
Didone ordina di mettere insieme tutto quello quello che il suo amante ha lasciato sul letto nuziale e di darlo alle fiamme.Distrutta dal dolore per l’abbandono,brucera’ nella pira trafiggendosi con la spada insieme con i ricordi di Enea
Lui invece illeso da una passione troppo avvolgente sbarchera’sulle coste del Lazio dove il re latino gli promettera’ sua sposa la figlia Lavinia.
La figura di Didone estremamente femmnile, ha la forza come caratteristica…si arrende solo al Fato. E non perdonera’ Enea neanche quando,nell’Ade,si rincontreranno.
a buon rendere
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-11-2010, 07:52 AM   #5
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Ho scomposto perche' troppo lungo e di non facile lettura uno dei passi piu' belli dell'Iliade.(canto VI): Andromaca supplica Ettore di non gettarsi nello scontro con Achille e di ascoltare le ragioni del cuore e della famiglia e non quelle dell'orgoglio e della gloria. Evidenzio in verde delle frasi particolarmente toccanti....secondo me,dopo tanti secoli,sono frasi che rimangono impresse nella memoria....

.....Oh troppo ardito!
il tuo valor ti perderà: nessuna
pietà del figlio né di me tu senti,
crudel, di me che vedova infelice
rimarrommi tra poco, perché tutti
di conserto gli Achei contro te solo
si scaglieranno a trucidarti intesi;
e a me fia meglio allor, se mi sei tolto,
l'andar sotterra. Di te priva, ahi lassa!
ch'altro mi resta che perpetuo pianto?
--------------------------------------------------------

Or mi resti tu solo, Ettore caro,
tu padre mio, tu madre, tu fratello,
tu florido marito. Abbi deh! dunque
di me pietade, e qui rimanti meco
a questa torre, né voler che sia
vedova la consorte, orfano il figlio.
Al caprifico i tuoi guerrieri aduna,
ove il nemico alla città scoperse
più agevole salita e più spedito
lo scalar delle mura. O che agli Achei
abbia mostro quel varco un indovino,
o che spinti ve gli abbia il proprio ardire,
questo ti basti che i più forti quivi
già fêr tre volte di valor periglio,
ambo gli Aiaci, ambo gli Atridi, e il chiaro
sire di Creta ed il fatal Tidìde.
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...

Ultima modifica di enrichetto; 11-11-2010 alle 07:54 AM
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-21-2010, 10:48 AM   #6
Tulipano
Amico*
 
L'avatar di Tulipano
 
Data Registrazione: Jan 2008
Messaggi: 1.672
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Forsan
et haec olim
meminisse iuvabit.

Forse un giorno
sarà dolce ricordare
anche questo.
(Virgilio, Eneide, canto I, v. 203)
Tulipano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-22-2010, 07:43 AM   #7
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

La lamentazione di Andromaca davanti al feretro di Ettore

Intorno al letto funebre misero i cantori
dei compianti
Le donne piangevano
E Andromaca cominciò il suo lamento
stringendo tra le mani la testa di Ettore,
feroce nell’uccidere: “Tu muori così giovan
e mi lasci vedova nella tua casa!
Il bambino
, nato da noi infelici, non parla
ancora. Forse non toccherà la giovinezza:
la città sarà distrutta prima. Sei morto proprio tu
che la difendevi da solo, che salvavi le madri
e i loro piccoli figli. Presto le donne
saranno portate via sulle navi, e io con loro.
Tu, figlio, seguirai me, e con pena
dovremo sopportare insieme i lavori indegni
che ci impone un padrone spietato.
O un Acheo ti butterà con sdegno giù dalle mura
forse perché Ettore gli uccise un fratello
o un figlio o il padre. La forza di Ettore
ha fatto mordere la terra
a infiniti Achei.
Sì, tuo padre era inesorabile nella strage.
Per questo il popolo lo piange in tutta la città.
Hai lasciato lacrime, maledizioni
e angosce al padre e alla madre,
ma più di tutti a me dolore amaro, Ettore.
Non mi hai stretta la mano dal tuo letto di morte,
né lasciata una sola parola di saggezza
da ricordare giorno e notte mentre piango”


Traduzione di Salvatore Quasimodo
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-25-2010, 09:19 AM   #8
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Narra una leggenda cinese di due amanti che non riescono mai ad unirsi. Si chiamano Notte e Giorno. Nelle magiche ore del tramonto e dell'alba gli amanti si sfiorano e sono sul punto di incontrarsi, ma non succede mai. Dicono che se fai attenzione, puoi ascoltare i lamenti e vedere il cielo tingersi del rosso della loro rabbia. La leggenda afferma che gli dèi hanno voluto concedere loro qualche attimo di felicità; per questo hanno creato le eclissi, nel corso delle quali gli amanti riescono ad unirsi e fanno l'amore. Anche io e te aspettiamo la nostra eclisse. Ora che abbiamo capito che non c'incontreremo mai più, che siamo condannati a vivere separati, che siamo la notte e il giorno. [David Trueba - Quattro Amici]
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-25-2010, 11:28 AM   #9
Essenza
Moderatore*
 
L'avatar di Essenza
 
Data Registrazione: Dec 2007
Messaggi: 6.808
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio
Narra una leggenda cinese di due amanti che non riescono mai ad unirsi. Si chiamano Notte e Giorno. Nelle magiche ore del tramonto e dell'alba gli amanti si sfiorano e sono sul punto di incontrarsi, ma non succede mai. Dicono che se fai attenzione, puoi ascoltare i lamenti e vedere il cielo tingersi del rosso della loro rabbia. La leggenda afferma che gli dèi hanno voluto concedere loro qualche attimo di felicità; per questo hanno creato le eclissi, nel corso delle quali gli amanti riescono ad unirsi e fanno l'amore. Anche io e te aspettiamo la nostra eclisse. Ora che abbiamo capito che non c'incontreremo mai più, che siamo condannati a vivere separati, che siamo la notte e il giorno. [David Trueba - Quattro Amici]
meravigliosaaaaaaaaa
runbo!
__________________

Sii come il fumo: sali,
pensa che nell'evadere nessuno dirà
«ti ebbi e ho potuto misurarti».
(José Hierro)

Essenza è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-04-2010, 02:16 PM   #10
Demetra
Amico*
 
L'avatar di Demetra
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Salzburg (AT)
Messaggi: 820
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

ho finito di leggere l'eneide giusto l'altro giorno....bellissima.....!
eccovi il lamento di Didone tratto dall'opera Dido&Aeneas di Henry Purcell.

"Thy hand, Belinda! Darkness shades me! On thy bosom let me rest..
more I would, but death invades me.
Death is now a welcome guest!
When I' am laid in earth may my wrongs create no trouble in thy breast.
Remember me, but ah! forget my fate!"

trad.
La tua mano, Belinda! Le tenebre mi avvolgono: sul tuo petto fammi riposare.
Vorrei di più, ma la morte mi invade. La morte è ora un'ospite benvenuta.
Quando giacerò nella terra possano i miei errori non creare sconforto nel tuo seno.
Ricordami, ma ah...dimentica il mio fato!
http://www.youtube.com/watch?v=D_50zj7J50U

http://www.youtube.com/watch?v=D_50zj7J50U
" width="425" height="344">http://www.youtube.com/watch?v=D_50zj7J50U
" />BORKED
__________________
...Io son l'umile ancella del genio creator, ei m'offre la favella, io la diffondo ai cor...
Demetra è offline   Rispondi Citando
Vecchio 01-27-2011, 06:49 AM   #11
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Auschwitz, 3 marzo

(a Daniel)


Anch’io ho camminato lungo i binari
dove fermavano i treni dei deportati
volevo capire quel poco che posso
della colpa e del dolore
ma sono un uomo troppo piccolo
e questa pianura è troppo vasta e vuota
è terra distesa a sottolineare ciò che manca
è neve caduta a coprire ciò che resta
così dovrebbe essere il silenzio
qualcosa che si vede si tocca e
congela per sempre un angolo del cuore
ad Auschwitz una volta almeno si dovrebbe
andare tutti, rimanere muti muti muti
scegliere un nome a caso fra i sopravvissuti
io ho scelto Rose che allora era bambina
e poi chiedere scusa di essere arrivati troppo tardi
di esser nati troppo tardi
forse di esser nati.

Francesco Tomada
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-03-2011, 06:43 AM   #12
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Il dolore di un distacco

non è altro che il taglio di un rasoio su una vena.

Se sopravvivi ci penserai persino con sentimento:

e così diventerà un taglio nell’anima.

La prima ferita si rimarginerà,

la seconda sanguinerà per sempre.

Dorothy Parker, da Collected Poetry, Random House, New York, 1944
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-03-2011, 07:49 AM   #13
antonella1
Amico*
 
Data Registrazione: May 2006
Località: Sicilia
Messaggi: 2.528
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

...
antonella1 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-16-2011, 11:57 PM   #14
perla73
Amico*
 
L'avatar di perla73
 
Data Registrazione: Sep 2007
Messaggi: 2.726
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio
Il dolore di un distacco

non è altro che il taglio di un rasoio su una vena.

Se sopravvivi ci penserai persino con sentimento:

e così diventerà un taglio nell’anima.

La prima ferita si rimarginerà,

la seconda sanguinerà per sempre.

Dorothy Parker, da Collected Poetry, Random House, New York, 1944
__________________
perla73 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-20-2011, 11:08 PM   #15
angel rose
Junior Member
 
L'avatar di angel rose
 
Data Registrazione: Feb 2011
Messaggi: 18
Predefinito Riferimento: Sul dolore...

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio
Auschwitz, 3 marzo...
volevo capire quel poco che posso
della colpa e del dolore
ma sono un uomo troppo piccolo
e questa pianura è troppo vasta e vuota
è terra distesa a sottolineare ciò che manca
è neve caduta a coprire ciò che resta
così dovrebbe essere il silenzio
qualcosa che si vede si tocca e
congela per sempre un angolo del cuore....
e poi chiedere scusa di essere arrivati troppo tardi
di esser nati troppo tardi
forse di esser nati.

Francesco Tomada
Noi siamo veramente troppo piccoli per poter comprendere il dolore così grande vissuto da questi esseri umani. Noi possiamo percepirne solo una piccola parte grazie ai racconti di chi è sopravvissuto e questo dolore veramente tocca e congela per sempre un angolo del nostro cuore.
__________________
L'amore non guarda con gli occhi, ma con l'anima (W. shakespeare)
angel rose è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 07:51 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs