Discussione: Serie tv
Visualizza Messaggio Singolo
Vecchio 08-27-2018, 04:18 PM  
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.975
Predefinito Riferimento: Serie tv



La serie ruota intorno alla figura del Professore, un geniale nerd che riunisce in una casa fuori Toledo otto persone. Si tratta di un gruppo di uomini e donne che non hanno piùniente da perdere e decidono di assaltare la zecca si stato spagnola,con l'obiettivo di mettere a segno il colpo del secolo.
Ognuno di loro ha un nome in codice, che corrisponde a quello di otto città Mosca, Berlino, Nairobi, Rio, Denver,Helsinki, Oslo e Tokyo. Ognuno di loro deve mantenere il segreto sulla propria identità, indossando all’interno della banca una maschera di Salvador Dalì.

dal web


Dice il “Professore”:

«Perché non mi vuoi ascoltare,Raquel? (l’ispettore di polizia, co-protagonista della serie.) perché sono uno dei cattivi?
Ti hanno insegnato a distinguere il bene dal male. ma se quello che stiamo facendo noi lo fanno gli altri, ti sembra che sia giusto. nel 2011 la banca centrale europea ha creato dal nulla 171.000 milioni di euro. dal nulla, proprio come stiamo facendo noi, però allagrande. 185.000 nel 2012. 145.000 milioni di euro nel 2013. sai dove sono finiti tutti quei soldi? Alle banche. direttamente dalla zecca. ai più ricchi.Qualcuno ha detto che la banca centrale europea è una ladra. iniezione di liquidità, l’hanno chiamata. e l’hanno tirata fuori dal nulla, Raquel, dal nulla. sai cos’è questa? [prende una banconota da 50 euro e la strappa] non è niente, Raquel, è carta, lo vedi, è carta. Io sto facendo un’iniezione di liquidità. ma non alle banche. la sto facendo qui, nell’economia reale di questo gruppo di disgraziati, perché è quello che siamo, Raquel. Per scappare da tutto questo. Tu non vuoi scappare?».


--------------------------------------------------------------------------

Io non so se come ha scritto Le Monde e’ “un allegoria della ribellione"… una sorta di lettura in chiave “Indignados” contro la finanza internazionale.
Certo che le tute rosse, le maschere di Dali’ e la canzone “Bella ciao” concorrono a creare un senso di condivisione e di liberta’.
E stanno diventando sinonimo di opposizione. Mi sembra di ricordare che nei mesi scorsi ci siano state manifestazioni di protesta ispirate alla serie.
Un po’ come fu per V per Vendetta che in qualche modo omaggia ( ma ci sono altre citazioni da Le Iene di Tarantino a Point Break della Bigelow)
La Casa di Carta non è una rapina perché il commando non ruba il denaro a nessuno. Lo va a prendere dove è stampato.Forse e’ questa la chiave per capire questa emulazione. .
Comunque a parte le interpretazioni che ognuno puo’ dare…posso solo dirvi che finalmente ho visto una serie briosa, piena di azione e con una bella suspence.
La tensione e’ legata alla rapina certo ma anche a una serie di sottotrame tra cui spicca la dinamica tra il Professore e l’ispettore donna Raquel Murillo che giocano una specie di partita a scacchi.
Non fatico a credere che questa serie spagnola( La casa di Papel il titolo originale)sia diventata, anche grazie al passaparola, un cult .

Non e’ perfetta sia chiaro e neanche originalissima; eppure ti tiene incollato al video ed era tanto che non mi succedeva.
Ognuno di noi avra’ un personaggio preferito/a…lo so perche’ ne ho parlato con chi l’ha visto.
Li conosceremo tutti grazie a dei flashback e alla voce narrante di Tokio rapinatrice sexi e ribelle.
E sinceramente mi incuriosisce molto la prossima stagione.
Potrei dire altre cose , ma credo che il modo migliore sia vederla ed “entrare nella zecca”…uscirne sara’ difficile.


BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando