AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Generale > Riflessioni

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 11-29-2007, 08:43 PM   #1
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito 5 per mille

5 per mille, il Governo ci riprova ad abolirlo
Cotto: «comportamento gravissimo, reinserire anche i comuni»



Torino - “Dicono che sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico! E’ il secondo anno che il governo cerca di eliminare il 5 per mille, e appena si levano le proteste risponde che è stato un errore: ma ci prendono per fessi?”, Mariangela Cotto, consigliere regionale di Forza Italia, ha appena constatato che la nuova legge finanziaria ha soppresso la quota del 5 per mille a favore del volontariato e dell’associazionismo sociale e culturale, ed è indignata per l’ennesimo tentativo di colpire il cosiddetto terzo settore.
“Per il Piemonte significa perdere fra i 30 e i 40 milioni di euro - dice Cotto - e credo che la Regione debba ancora una volta opporsi fortemente a questa decisione. Infatti, con questa misura si consentiva a moltissime associazioni di volontariato di acquisire risorse per le loro attività. Ma soprattutto si dava la possibilità direttamente ai cittadini di “premiare” con la propria scelta l’associazione ritenuta più utile, più bisognosa, più meritevole di ottenere il versamento. Una grande misura di libertà e di responsabilità che è stata cancellata con leggerezza dal nuovo governo. Se è una volontà di colpire il sociale come sospetto, è inammissibile. Se è una dimenticanza, come si sono affrettati a precisare alcuni esponenti del governo, la considero inaccettabile”.

Il 5 per mille era stato introdotto per volontà dell’allora ministro Tremonti nella finanziaria 2006, in via sperimentale. Immediatamente migliaia di enti avevamo deciso di iscriversi al registro ministeriale per fruire della scelta dei contribuenti nella dichiarazione dei redditi. Da parte di molte associazioni era stata fatta una campagna di sensibilizzazione presso i cittadini, per ottenere il contributo.
“Forse è proprio questo peccato di origine - continua Cotto – e cioè di essere stata “ideata” dal precedente governo, che la rende così invisa alla sinistra. Lo scorso anno nella prima stesura della finanziaria la misura era stata volutamente cancellata, ma a seguito delle pressioni ricevute da più parti fu reintrodotta nel testo finale, tuttavia il governo escluse i Comuni dalla possibilità di accedere ai fondi, come era nella versione varata dal governo Berlusconi. Inoltre, per il 2007 si è stabilito un tetto di 250 milioni di euro che di fatto riduce la quota da assegnare al 3 per mille. Per soddisfare tutte le scelte dei contribuenti servono infatti almeno 400 milioni. La finanziaria 2008 li prevede per l’anno in coro, ma nulla dice sul futuro”.
Cotto ha immediatamente presentato un ordine del giorno a palazzo Lascaris per puntare a ripristinare la norma del 5 per mille, anche a favore dei Comuni, impegnando la Giunta Bresso affinché convinca il governo Prodi a cambiare idea.

http://www.newsfood.com/Articolo/Ita...a-abolirlo.asp

il mio 5 per mille l'ho donato a una associazione di volontariato, si chiama "collage" e opera nel mio paese di residenza.
è un gruppo di ragazzi che lavora gratuitamente per le missioni africane e per le adozioni a distanza.
so che sono finiti in buone mani!
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-29-2007, 08:47 PM   #2
fabykiss75
Amico*
 
L'avatar di fabykiss75
 
Data Registrazione: May 2007
Messaggi: 4.014
Predefinito

Citazione: "...è un gruppo di ragazzi che lavora gratuitamente per le missioni africane e per le adozioni a distanza.."


questo è un tema che mi sta particolarmente a cuore


Faby
fabykiss75 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-29-2007, 08:50 PM   #3
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito

Citazione:
...è un gruppo di ragazzi che lavora gratuitamente per le missioni africane e per le adozioni a distanza..
infatti, dopo il 5 per mille, e qualche cosina che ogni tanto porto e che a loro serve moltissimo, è mia intenzione effettuare una adozione a distanza.
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-29-2007, 08:53 PM   #4
fabykiss75
Amico*
 
L'avatar di fabykiss75
 
Data Registrazione: May 2007
Messaggi: 4.014
Predefinito

Che bello non sai quanto sono felice per quanto hai appena detto Gory..

GRAZIE,vedrai come sarà meraviglioso diventare papà di un bimbo che sentirai subito tuo figlio..

GRAZIE ancora

Faby
fabykiss75 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 11-30-2007, 09:33 PM   #5
moby40
Senior Member
 
Data Registrazione: Sep 2004
Località: un bellissimo lago del nord Italia
Messaggi: 941
Invia un messaggio via Yahoo a moby40
Predefinito

E se sarai fortunato come me, lo vedrai crescere anche se da lontano, il mio Gustavo in Bolivia ora ha 21 anni e qualche mese, e lo sto aiutando da quando ne aveva 7 o 8... non ricordo bene ma ogni anno ho ricevuto una foto aggiornata e notizie, ora è praticamente un uomo, ha studiato e si sta diplomando.

anna
__________________
"non si vede bene che con il cuore,
l'essenziale è invisibile agli occhi. "

da Il Piccolo Principe
di A. de Saint Exupery
moby40 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-01-2007, 09:41 PM   #6
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito

http://www.associazionecollage.it/

http://www.associazionecollage.it/adozione.htm

__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 12-02-2007, 10:37 PM   #7
Tattywitch
Amico*
 
L'avatar di Tattywitch
 
Data Registrazione: Mar 2007
Località: Roma
Messaggi: 2.010
Predefinito

Ci sono tantissime associazione che operano nella realtà più o meno locale che vivono con il sostegno di privati e col volontariato e per loro il 5 per mille è importante!
Anch’io ho dato tale contributo ad un associazione di volontariato di Roma che opera in Africa e che ha attivato un Progetto di adozione di un centro nutrizionale in Congo.

http://www.avaz.it/

__________________
Dietro le nuvole c'è sempre il sole
Tattywitch è offline   Rispondi Citando
Vecchio 01-04-2008, 10:06 PM   #8
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito

La truffa del Governo sul 5 per mille*
December 21st, 2007 by editor

di Piercamillo Falasca, da L’Occidentale (*titolo della redazione de L’Occidentale)

Una settimana e mezzo fa una notizia apparentemente “buona”: con un emendamento alla Finanziaria, per l’anno 2008 è stato alzato da 100 a 380 milioni di euro il “tetto” previsto per i fondi del cinque per mille, quella quota dell’Irpef che i contribuenti possono destinare al sostegno di soggetti - enti, associazioni, fondazioni - che svolgono attività socialmente rilevanti, dalla ricerca al volontariato. La notizia sembra positiva (e in un’ottica di breve periodo lo è) ma è di quelle che lasciano l’amaro in bocca. Per capire perché, facciamo un passo indietro.
Il meccanismo del cinque per mille è stato introdotto in via sperimentale dalla Finanziaria 2006, l’ultima del governo Berlusconi. E’ una forma - abbozzata ma politicamente significativa – del principio di sovranità fiscale, vale a dire l’attribuzione al contribuente di una sfera di autodeterminazione grazie alla quale egli stesso può decidere a quale attività, meritevole dell’interesse pubblico, destinare parte delle proprie tasse.
Allo stesso tempo, il cinque per mille rappresenta un’applicazione del principio di sussidiarietà orizzontale, perché promuove la libera iniziativa dei privati – organizzazioni no profit, enti di ricerca, università, associazioni di volontariato – nello svolgimento di attività di interesse generale. Quando lo Stato “arretra” e lascia spazio alla libera scelta e alla libera iniziativa, si realizza in pieno un principio di autonomia e di responsabilità personale, che trova la sua origine sia nel pensiero liberale sia nella dottrina sociale della Chiesa. “L’oggetto naturale di qualsiasi intervento nella società stessa – scrisse Pio XI nella Quadragesimo Anno - è quello di aiutare in maniera suppletiva (subsidium) le membra del corpo sociale, non già di distruggerle e assorbirle.”
In uno Stato che tassa molto, spende male (poca ricerca e poca spesa sociale) e non rende trasparente l’utilizzo delle imposte versate dal contribuente, non è sorprendente scoprire che il cinque per mille ha raccolto il favore degli italiani. Poter scegliere la finalità di una parte delle imposte versate, sottrarli all’inefficiente e famelica burocrazia pubblica per destinarli al volontariato, alla ricerca scientifica, alle università, è una opportunità apprezzata.
Nel solo 2006, circa il 61% dei contribuenti (quasi 16 milioni) ha scelto di assegnare il proprio cinque per mille ad uno dei trentamila soggetti beneficiari, per un ammontare complessivo di quasi 329 milioni di euro. Che la misura sia molto popolare è dimostrato dall’elevato tasso di fidelizzazione che la accompagna: il 98,4% dei donors del 2007 ha già affermato, in un’indagine conoscitiva delle ACLI riportata da Il Sole 24 Ore, di voler rinnovare la scelta anche nella prossima stagione fiscale. E c’è da scommettere che tanti tra coloro che non hanno devoluto quest’anno il loro cinque per mille, saranno disponibili a farlo nel 2008.
Le note positive finiscono qui, purtroppo. Il principio di sussidiarietà fiscale è stato svilito dall’applicazione concreta del cinque per mille. Una prima doglianza va rivolta al governo di centrodestra, che non ha avuto il coraggio sufficiente per rendere strutturale la misura, limitandosi a finanziarla per il primo anno.
Una seconda critica, ben più profonda, è da sollevare nei confronti dell’attuale maggioranza di governo. La Finanziaria 2007, la prima di Prodi, verrà presumibilmente ricordata come una manovra “di tasse” e di “avanzamento” dello Stato ai danni del cittadino: il 5 per mille non ha purtroppo fatto eccezione. Il governo Prodi ha infatti posto un tetto alle risorse complessive da trasferire ai beneficiari. Diffidenza del concetto di sussidiarietà o timore contabile di un “eccessivo” successo (se i donatori aumentano, cresce il minor gettito per l’Erario)?
Probabilmente entrambe le cose, sintetizzate nella scelta di voler “controllare” lo strumento del cinque per mille. Di fatto, snaturandone il contenuto, legato nella sua essenza ad una libera e incondizionata espressione di volontà. Il tetto per il 2007 (tecnicamente per il 2008, quando si pagheranno le imposte dell’anno in corso) era stato originariamente fissato a 250 milioni, meno delle donazioni stimate per il 2006 (stima poi confermata dal dato ufficiale dei 329 milioni, di cui dicevamo sopra). Il che voleva dire che se le donazioni fossero rimaste stabili tra un anno e un altro, lo stato avrebbe trattenuto quasi 80 milioni e trasformato il 5 mille in un effettivo 3,1 per mille. Insomma, un boom delle donazioni non avrebbe comportato che una riduzione dell’effettiva donazione individuale.
La levata di scudi dei soggetti beneficiari e dei sostenitori giustamente interessati - in primis gli autorevoli firmatari, nello scorso ottobre, di un appello al Governo (tra i promotori Renato Dulbecco, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Carlo Rubbia, Umberto Veronesi) - ha poi convinto l’esecutivo a concedere nel decreto fiscale di novembre ulteriori 150 milioni, alzando il tetto a 400 milioni. Vicissitudini simili, anzi peggiori, sono quelle cui abbiamo assistito durante i passaggi parlamentari della Finanziaria 2008. Il 5 per mille è stato introdotto solo in extremis, con un tetto di appena 100 milioni, tale da tramutarlo di fatto in un misero 1 per mille, ingannando i contribuenti e svilendo le aspettative dei mondi della ricerca e del volontariato. Solo l’approvazione di un emendamento alla Finanziaria, fortemente sostenuto da esponenti di entrambi gli schieramenti, ha permesso che il tetto fosse reso più “dignitoso”, 380 milioni. Questa la “buona” notizia di cui abbiamo parlato, preso atto della quale continuiamo a sentire l’amaro in bocca.
E’ difficilmente riconducibile al principio di sussidiarietà fiscale una misura non strutturale, condizionata al reperimento annuale della copertura finanziaria, soggetta ad un tetto massimo, subordinata – per l’accesso al beneficio – a continue modifiche normative e circolari ministeriali e gestita obiettivamente male (estenuante lentezza nell’assegnazione e nell’erogazione dei fondi, confusione sui soggetti beneficiari). Se si crede che i contribuenti abbiano “premiato” il 5 per mille perché ne riconoscono la finalità e apprezzano la libertà di scelta, difficilmente si può condividere l’approccio dirigista del Governo. Come hanno scritto i firmatari dell’appello di ottobre, “siamo convinti che le risorse destinate dal 5 per mille alla ricerca e al volontariato siano importanti non per il volume finanziario in sé ma per l’intenzionalità espressa dai cittadini.” Se l’intenzione dei contribuenti è quella di assegnare il 5 per mille della propria imposta ad una data associazione o a un certo ente di ricerca, è poco sostenibile la tesi di uno Stato che trattiene parte di queste donazioni per un problema di copertura finanziaria o le “concede” solo in extremis, dirigisticamente con un aumento eventuale del tetto.
La questione principale è la visione che lo Stato ha nei confronti delle membra del corpo sociale, per dirla alla Pio XI. Lo Stato dovrebbe porsi l’obiettivo primario di favorire una libera e benefica concorrenza tra soggetti e tra finalità, stimolando la qualità, la trasparenza e la responsabilità dei soggetti cui demanda obiettivi socialmente rilevanti. Promuovere l’azione privata nell’erogazione di servizi pubblici e nello svolgimento di attività di interesse generale significa anzitutto favorirne una organizzazione imprenditoriale, strutturabile sul medio lungo periodo e non provvisoria e condizionata ai favori graziosamente elargiti di anno in anno dal sovrano.
Vi è una differenza sostanziale tra il riconoscimento di una vera libertà di scelta e di iniziativa e la mera concessione di risorse pubbliche. Un cinque per mille “precario” e limitato assomiglia troppo alla seconda.

http://oknotizie.alice.it/go.php?us=302110906fa0cb23

__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 08:01 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs