AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Generale > Riflessioni

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 05-07-2012, 02:16 PM   #1
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Mirare fuori bersaglio

Parto da una fine: per l’esattezza con un elemento della battaglia finale di “Robin Hood”.
Se avete voglia (per chiarezza) guardate in questo video i 20 secondi che partono dal minuto 2.20, poi leggete il seguito del topic….


BORKED

A parte la scena davvero stupenda (ripeto: visto in blu ray su schermo da 50” è indescrivibile) …..ho visto decine di volte nei film scoccare le frecce, ma solo la meticolosità di ripresa di questa scena mi ha permesso di concentrarmi su di un particolare. Robin ha il bersaglio lontano e in movimento. Prepara la freccia, mira davanti a sé…poi sposta la direzione di tiro verso l’alto. E lancia.
Ovviamente colpisce il cattivo…se no non sarebbe Robin Hood.
Mi è venuto questo flash del tiro con l’arco come metafora della vita. Chi l’ha detto che per raggiungere una meta bisogna per forza andare dritti verso di essa? Forse è sufficiente sapere dove si vuole arrivare, avere bene impresso nella mente ciò che si vorrebbe. Lanciare, lanciarsi direttamente verso il bersaglio in modo ostinato non sempre è la cosa giusta da fare. Forse quasi mai…Nel percorso tra noi e la meta subentrano dei fattori che vanno ponderati, valutati: il vento, la distanza…la fortuna. Vale nel tiro con l’arco, così come nel calcio e nei calci piazzati del rugby…
In questo specifico caso si aggiunge poi la particolarità del bersaglio che si allontana, cosa che rende ancora più calzante questa metafora… Quante volte vedendo l’obbiettivo lontano lo consideriamo irraggiungibile e per questo ci arrendiamo? Probabilmente inseguendo la sua stessa traiettoria davvero non potremmo afferrarlo!! Ma dovremmo tenere presente che spesso il destino fa dei giri strani…la freccia ha bisogno di compiere un proprio percorso, che non sempre è scontato, spesso è “ad effetto” ed incomprensibile.

Ok, ho finito la mia elucubrazione mentale...grazie per avermi sopportato, potete andare
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 02:37 PM   #2
Luna74
Amico*
 
L'avatar di Luna74
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Ogni piccola pozzanghera che riflette la luna...
Messaggi: 3.330
Invia un messaggio via MSN a Luna74
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Citazione:
Originariamente inviato da delfina Visualizza Messaggio
Parto da una fine: per l’esattezza con un elemento della battaglia finale di “Robin Hood”.
Se avete voglia (per chiarezza) guardate in questo video i 20 secondi che partono dal minuto 2.20, poi leggete il seguito del topic….


BORKED

A parte la scena davvero stupenda (ripeto: visto in blu ray su schermo da 50” è indescrivibile) …..ho visto decine di volte nei film scoccare le frecce, ma solo la meticolosità di ripresa di questa scena mi ha permesso di concentrarmi su di un particolare. Robin ha il bersaglio lontano e in movimento. Prepara la freccia, mira davanti a sé…poi sposta la direzione di tiro verso l’alto. E lancia.
Ovviamente colpisce il cattivo…se no non sarebbe Robin Hood.
Mi è venuto questo flash del tiro con l’arco come metafora della vita. Chi l’ha detto che per raggiungere una meta bisogna per forza andare dritti verso di essa? Forse è sufficiente sapere dove si vuole arrivare, avere bene impresso nella mente ciò che si vorrebbe. Lanciare, lanciarsi direttamente verso il bersaglio in modo ostinato non sempre è la cosa giusta da fare. Forse quasi mai…Nel percorso tra noi e la meta subentrano dei fattori che vanno ponderati, valutati: il vento, la distanza…la fortuna. Vale nel tiro con l’arco, così come nel calcio e nei calci piazzati del rugby…
In questo specifico caso si aggiunge poi la particolarità del bersaglio che si allontana, cosa che rende ancora più calzante questa metafora… Quante volte vedendo l’obbiettivo lontano lo consideriamo irraggiungibile e per questo ci arrendiamo? Probabilmente inseguendo la sua stessa traiettoria davvero non potremmo afferrarlo!! Ma dovremmo tenere presente che spesso il destino fa dei giri strani…la freccia ha bisogno di compiere un proprio percorso, che non sempre è scontato, spesso è “ad effetto” ed incomprensibile.

Ok, ho finito la mia elucubrazione mentale...grazie per avermi sopportato, potete andare
Che bella scena! confesso di non aver visto questa versione di Robin Hood... devo rimediare presto
Concordo con te... le tue "elucubrazioni" sono tutte vere... a me viene in mente questa ulteriore pipp... ehm elucubrazione mentale : I bersagli sn SEMPRE o quasi in movimento nella vita... magari quello che oggi ci sembra una mèta appetibile nel momento in cui l'avremo raggiunta potrebbe non piacerci più... perchè è cambiata, o siamo cambiati noi nel raggiungerla o semplicemente perchè "da vicino" le cose sono diverse che a distanza...

Chiaramente credo che dipenda molto dal tipo di bersaglio...
__________________
Si vive solo il tempo in cui si ama. C. A. Helvetius
Luna74 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 05:51 PM   #3
Rosanna
Amico*
 
L'avatar di Rosanna
 
Data Registrazione: Jan 2007
Località: in un posto che conoscono gli aironi: li nel regno dei Cieli
Messaggi: 4.418
Invia un messaggio via MSN a Rosanna
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Preciso questo Robin Hood!

La scena è significativa perché mostra esattamente come anche in certe situazioni della vita (spesso direi) la Fisica e la conoscenza delle sue leggi matematiche serva per spiegare certi comportamenti e anche per riuscire a raggiungere la meta ( o obiettivo).
Perché Robin Hood, visto che il nemico si allontanava ad una certa velocità, decide di alzare l’arco verso l’alto? Robin Hood conosceva le leggi fisiche relative al moto dei proiettili!
Infatti la traiettoria della freccia, nel momento in cui viene lanciata con un’inclinazione di a gradi verso l’alto, non sarà più rettilinea ma la freccia descriverà una traiettoria parabolica che culminerà a raggiungere l’obiettivo ( a terra) ad una distanza xG detta “gittata”.
Per determinare la gittata dobbiamo conoscere la velocità della freccia e cioè la forza con cui essa viene lanciata in quanto le viene impressa una accelerazione. Supponendo che, a causa della forza costante, l’accelerazione impressa sia costante, la velocità v0 iniziale sarà costante ma potrà essere espressa in due componenti, una lungo l’orizzontale e l’altra lungo la verticale.
Possiamo descrivere il moto utilizzando il modello matematico rappresentato dalla parabola. La “gittata” che esprime la distanza tra i punti O di partenza e P di atterraggio, si calcolerà trovando i punti per cui la parabola si annulla (ossia interseca l’asse x).
Nel momento del lancio la freccia ha una velocità costante ma dirette verso l’alto e formante un angolo a con l’orizzontale . Considerando il moto in un sistema d’assi cartesiani potremo scomporre la velocità in due componenti una lungo l’asse x (orizzontale) e l’altra lungo l’asse y (verticale). Durante il suo moto la freccia viene influenzata dalla forza di gravità che tende ad attirarla verso il suolo e che ha un’intensità proporzionale all’accelerazione di gravità g=9,8.
Insomma dopo svariati calcoli che vi risparmio si trova che
la gittata è data



Conclusione:
Per mirare fuori bersaglio bisogna avere delle belle conoscenze!
__________________
Chi trova un amico trova un tesoro!
Rosanna è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 06:14 PM   #4
Essenza
Moderatore*
 
L'avatar di Essenza
 
Data Registrazione: Dec 2007
Messaggi: 6.808
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

__________________

Sii come il fumo: sali,
pensa che nell'evadere nessuno dirà
«ti ebbi e ho potuto misurarti».
(José Hierro)

Essenza è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 06:17 PM   #5
Nasino
Junior Member
 
Data Registrazione: Apr 2012
Messaggi: 17
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

@ Luna 74 classica risposta "da psicologo"
@ Rosanna classica risposta da "fisico"
@ Delfina: mi hai fatto riflettere sul fatto che nei commenti all'I Ching spesso viene nominato l'arciere che deve colpire il bersaglio...
Nasino è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 06:51 PM   #6
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.987
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

"Mirate bene e ogni risultato sarà un buon risultato. Quello che viene a voi è vostro. Ciò che tarda a venire non è degno di essere atteso. Lasciate che sia esso ad aspettare. Voi non sbaglierete mai un bersaglio se quello a cui mirate stava mirando voi. Un obiettivo mancato è sempre un obiettivo raggiunto."


La persona dopo di me sara' Alessandro...l'arciere...me lo sento....

__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...

Ultima modifica di enrichetto; 05-07-2012 alle 07:28 PM
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 07:37 PM   #7
Alien
Amico*
 
L'avatar di Alien
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Cintura di Orione, seconda stella a sinistra (un pò sotto Varese)
Messaggi: 2.801
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Citazione:
Originariamente inviato da Nasino Visualizza Messaggio
@ Luna 74 classica risposta "da psicologo"
@ Rosanna classica risposta da "fisico"
@ Delfina: mi hai fatto riflettere sul fatto che nei commenti all'I Ching spesso viene nominato l'arciere che deve colpire il bersaglio...
Ora ti aggiungo la classica risposta da arciere

Il calcolo di Rosanna falla (o meglio è carente) in un punto. Se voglio colpire un oggetto, pur sapendo la velocità iniziale della mia freccia ed il peso della suddetta, ho bisogno di calcolarmi l'alzo in funzione della distanza. Bene: come mi calcolo la distanza? Affidandosi al fattore Q? Evitiamo la discussione sul teorema di Talete, altrimenti diventa un discorso tra me e Rosanna e tornando al discorso di Delfina: se voglio ottenere qualcosa, forse per sapere dove arrivare devo sapere quanto è distante e valutare la sua importanza anche a quella distanza. In pratica, a volte si punta troppo in alto per raggungere un obiettivo che vediamo piccolo e che interpretiamo grande ma a grande distanza, invece è solo piccolo e vicino. [Ah quante volte ho confuso un cervo a 40 metri con un cerbiatto a 25! Parlo di tiro 3D su sagome sintetiche, così tranquilliziamo gli animalisti del forum]


PS per Rosanna: se io ti dessi velocità della freccia a un metro dall'arco (207 piedi al secondo), peso (282 grani) e dimensioni della freccia, velocità della freccia quando è ferma (che sforzo!), tu sapresti calcolarmi l'accelerazione della freccia in uscita dall'arco? Solo per mia curiosità si intende
__________________
La forza del dialogo sta nelle voci fuori dal coro
Alien è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 07:38 PM   #8
Alien
Amico*
 
L'avatar di Alien
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Cintura di Orione, seconda stella a sinistra (un pò sotto Varese)
Messaggi: 2.801
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio
La persona dopo di me sara' Alessandro...l'arciere...me lo sento....
Ho dovuto trovare una risposta sensate e non sportiva prima di scrivere
__________________
La forza del dialogo sta nelle voci fuori dal coro
Alien è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-07-2012, 09:57 PM   #9
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio



"...Herrigel comincerà così un emozionante tirocinio, nel corso del quale si troverà felicemente costretto a capovolgere le sue idee e soprattutto il suo modo di vivere. All’inizio con grande pena e sconcerto: dovrà infatti riconoscere prima di tutto che i suoi gesti sono sbagliati, poiché sono sbagliate le sue intenzioni, infine, che proprio le cose su cui fa affidamento sono i più grandi ostacoli : la volontà, la chiara distinzione tra mezzo e fine, il desiderio di riuscire. Ma il tocco sapiente del maestro lo aiuterà a scrollarsi di dosso tutto questo, a restare vuoto, per accogliere, quasi senza accorgersene, l’unico gesto giusto, che fa centro...un colpo una vita...In tale colpo la freccia, il bersaglio, l’io si intrecciano inscindibilmente..."


Il tiro con l’arco non mira quindi in nessun caso a conseguire qualcosa di esterno con arco e freccia, d’interno e con se stessi...Arco e freccia sono un pretesto...sono una via verso la meta stessa...


Il maestro deve educare...Lasciare naufragare per consentire la disponibilità ad accettare il salvagente che gli offre...

La giusta via è simile all’acqua...che adattandosi a tutto...a tutto è adatta...


Chi se la prende facile all’inizio se la trova più difficile poi...

La vera arte è senza scopo...senza intenzione... Le è d’ostacolo una volontà troppo volitiva...

Lei deve imparare la giusta attesa...staccandosi da se stesso...Lasciandosi dietro tanto se stesso quanto tutto ciò che è suo, finché non resti altro che una tensione senza intenzione...Aspetti che sia l’ora...

Ripetere...ripetere...ripetere...

Dare l’esempio...
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-08-2012, 01:06 PM   #10
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Citazione:
Originariamente inviato da Essenza Visualizza Messaggio
mi hai fatto morire



per il resto..... ragazzi, siete riusciti a sorprendermi , che non è mica semplice ...

Ripasserò...
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-12-2012, 01:36 PM   #11
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Citazione:
Luna: I bersagli sn SEMPRE o quasi in movimento nella vita... magari quello che oggi ci sembra una mèta appetibile nel momento in cui l'avremo raggiunta potrebbe non piacerci più... perchè è cambiata, o siamo cambiati noi nel raggiungerla o semplicemente perchè "da vicino" le cose sono diverse che a distanza...
giusto...e subentra sempre la bellezza del desiderio di una cosa difficilmente raggiungibile....

Rosanna, quando tornerai mi farebbe piacere sapere se quel po' po' di roba è farina del tuo sacco...mi fai paura

Citazione:
Nasino: @ Luna 74 classica risposta "da psicologo"
@ Rosanna classica risposta da "fisico"
@ Delfina: mi hai fatto riflettere sul fatto che nei commenti all'I Ching spesso viene nominato l'arciere che deve colpire il bersaglio...
per un attimo ho temuto che scrivessi "classica risposta da cetaceo" ....interessante questa cosa, non la sapevo ehi...è sparita la "tua" faccia

Citazione:
Enri: "Mirate bene e ogni risultato sarà un buon risultato. Quello che viene a voi è vostro. Ciò che tarda a venire non è degno di essere atteso. Lasciate che sia esso ad aspettare. Voi non sbaglierete mai un bersaglio se quello a cui mirate stava mirando voi. Un obiettivo mancato è sempre un obiettivo raggiunto."
vorrei conoscerlo...alcune mi piacciono molto!

Citazione:
Alien: se voglio ottenere qualcosa, forse per sapere dove arrivare devo sapere quanto è distante e valutare la sua importanza anche a quella distanza. In pratica, a volte si punta troppo in alto per raggungere un obiettivo che vediamo piccolo e che interpretiamo grande ma a grande distanza, invece è solo piccolo e vicino.
hai detto una cosa sacrosanta: valutare la sua importanza ....che riprende un po' il discorso fatto da Luna.
Il problema è: come faccio a fare una valutazione oggettiva senza prima arrivarci? in pratica dobbiamo tenere presente che il rischio fa parte del gioco....non si può escludere nulla a priori, ma serve senz'altro stabilire quante frecce vale la pena "sprecare". Parlo in generale, ovviamente, dove i bersagli sono i nostri obiettivi; le frecce rappresentano le nostre forze.

Citazione:
Gory: l’unico gesto giusto, che fa centro...un colpo una vita...
...La vera arte è senza scopo...senza intenzione...
..un colpo una vita... abbiamo una sola possibilità per il tiro più importante della nostra vita?
..La vera arte è senza scopo..


Bellissimi tutti i passaggi che hai scritto, Gory: mi riservo di leggerli ancora, più avanti....
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-12-2012, 03:06 PM   #12
Luna74
Amico*
 
L'avatar di Luna74
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Ogni piccola pozzanghera che riflette la luna...
Messaggi: 3.330
Invia un messaggio via MSN a Luna74
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Citazione:
hai detto una cosa sacrosanta: valutare la sua importanza ....che riprende un po' il discorso fatto da Luna.
Il problema è: come faccio a fare una valutazione oggettiva senza prima arrivarci? in pratica dobbiamo tenere presente che il rischio fa parte del gioco....non si può escludere nulla a priori, ma serve senz'altro stabilire quante frecce vale la pena "sprecare". Parlo in generale, ovviamente, dove i bersagli sono i nostri obiettivi; le frecce rappresentano le nostre forze.
la valutazione è sempre soggettiva e personale e, in quanto tale relativa e imperfetta, ahimè
Personalmente ritengo che le frecce non siano mai sprecate se ci sn servite almeno a distinguere i bersagli che vogliano davvero da quelli che sembravano attirarci ma solo da lontano... però ci sn cose in cui tirare molte frecce è fondamentale per imparare a fare centro al bersaglio giusto e altre cose in cui se tiri troppe frecce e sbagli sempre... inizi a pensare che devi cambiare sport magari! almeno x me ultimamente è così...

Inoltre nella scelta del bersaglio ci sn componenti interne a noi imponderabili... che nostro malgrado ci influenzano e ci condizionano enormemente, a volte!
Perdonale questo intervento da psi, ma quando ce vò, ce vò!
__________________
Si vive solo il tempo in cui si ama. C. A. Helvetius
Luna74 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-12-2012, 04:26 PM   #13
Antonio.1986
Amico*
 
Data Registrazione: Oct 2008
Località: Marigliano (NA)
Messaggi: 597
Smile Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Mirare fuori bersaglio o meno non fa tutta questa differenza... Basta solo tendere più che si può l'arco che abbiamo a disposizione... Poi non importa fare sempre centro, basta fare solo del proprio meglio... E' abbastanza...
Antonio.1986 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-12-2012, 04:46 PM   #14
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

Citazione:
Originariamente inviato da Luna74 Visualizza Messaggio
.. inizi a pensare che devi cambiare sport magari!

sei una grande! la farei subito la Charlie's Angels con te ed Essenza
vedi tu quante frecce conficchiamo...sui posteriori di qualcuno però!!
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 05-13-2012, 06:44 AM   #15
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Mirare fuori bersaglio

questo spezzone, invece, ribalta decisamente le precedenti filosofie...

BORKED
delfina è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 10:04 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs