AuroraBlu Forum

AuroraBlu Forum (http://www.aurorablu.it/forum/index.php)
-   Le tue poesie (http://www.aurorablu.it/forum/forumdisplay.php?f=11)
-   -   Le poesie di *Azazel* (http://www.aurorablu.it/forum/showthread.php?t=5792)

Azazel 11-30-2005 10:44 PM

Le poesie di *Azazel*
 
30 Novembre

Mentre ogni gesto
e parola
diviene inutile

Mentre tutto ciò che mi circonda
e chi mi è vicino
Diviene sfocato e distante.

Chi è che mi ha strappato in due l'anima?
Chi mi ha strappato il cuore pulsante?

Dove ero mentre questo succedeva?

Che senso ha questo dolore?

Ciò che ero
è sato strappato in piccoli pezzi..

Reso inutile e gettato via
Come un bimbo con delle palline di carta

Ma io ho gettato via
Sanguinolente palle di carne.

Ora
E solo ora
Ne avverto il dolore

E mi domando guardando il mio teschio nudo
cosa sia rimasto di me.

E perchè
perchè

La mia barchetta di legno
Chiusa nella sua bottiglia di vetro
E' persa
Come in mare aperto?

Come se quella bottiglia
si avvicinasse al suolo.

E una volta schiantata
e distrutta

Rmanesse lì
dimenticata e calpestata.

Sul freddo pavimento
tra brillanti cocci di vetro.

Aspettando che qualcuno
la butti via.

Ma nessuno arriva.
E rimango steso e tramortito
Su un freddo pavimento
Tra i cocci della mia anima.

redair 12-01-2005 07:00 AM

nessuno è inutile...
ogn piccolo gesto
fa parte di un grande
spettacolo
diretto da un grande
regista...
dove il dolore
e l'amore,
la gioia
e la sofferenza
si possono incrociare,
guardarsi l'uno
negli occhi dell'altro
e piangere...
bagnare la propria anima
quasi fino
ad annegarla
per poi riemergere
e respirare...

Azazel 12-01-2005 03:54 PM

Benvenuti

al teatro d'avanguardia.

Dove ognuno improvvisa
Il suo personaggio da poco creato

Attore tra gli attori.

Ogni spettacolo una prova.

Ma solo grandi attori
Osano
Di fronte ad un pubblico

Che diviene parte all'evento

Per gli altri

Teatri abbandonati
e sudici scantinati

Dove ognuno
rincorre nello squallore
i propri sogni irrealizzati

Nascosto nella maschera
(persona)
Che interpreta

E ogni gesto
Ogni intesa e parola

Verrà cancellata dalla fine dello spettacolo

E tra i finti sentimenti e le false parole
Pane dell'attore

Capita di dimenticare la propria battuta.

E guardi nella buca del suggeritore
E guardi dietro le quinte

E non vi è nessuno.

E guardi sul palco..

Ci sei solo tu

Da solo
In una chiesa sconsacrata
O in un quieto cimitero

A recitare
Solo con i tuoi fantasmi
Un pezzo terrorizzante
liberamente tratto

Dalla tua vita

Benvenuto al teatro dell'improvvisazione.
Dove il regista
Non è previsto dal copione

E dove si va avanti.
Fino alla fine


Grazie Redair :hug

Azazel 12-04-2005 01:24 PM

3 Dicembre

Un pugnale
Mi trafigge da parte a parte

Un rasoio proietto nella mia mente

Ne saggio il filo
Affilato,
Metallico
Come il rosso che sporca la mia mano
e gocciola per terra
("saranno mai pulite le mie mani?")

Stiletti
Sono i carboni
Su cui cammino
Come se non ci fossero

La lama
Di un rasoio
affilato
E' la corda su cui cammina
a piedi nudi
la mia vita

Sospeso
Guardo giù
vedo il resto del mondo

Ognuno cammina
sulla sua lama

Nel sangue che lascia dietro di sè
La sua vita

Quanti abili equilibristi!

Ma il lanciatore di coltelli
Che c'è dietro questo assurdo gioco

Non si accorge di quanta grazia
vi sia nel nostro numero.

Alla fine di ogni lancio

Raccoglie i coltelli
Li pulisce

E daccapo

Davvero importa colpire il bersaglio?
L'importante è tirare

Davvero importa stare in equilibrio?
L'importante è sanguinare

Perchè il sangue è vita.
E ogni passo

Lasciamo indietro impronte
di sangue
raggrumito

E nel ruscello che scorre
sotto di noi

Imperiale di porpora

Nuotano felici
I nostri sogni
e le nostre speranze

Affogate nel dolore
Della nostra vita

Michael 12-04-2005 02:34 PM

Cruda Realtà

Che meschina
questa realtà apparente
è come un pezzo di carne,
sanguinolenta, cruda…
deve essere divorata un po’ alla volta
per non essere assaliti
da un conato di vomito.

Una serie di crampi
mi fan salire
lo stomaco in gola
masticandola poco
e ingoiandola subito
si dovrebbe attenuare l’odore
che a volte è anche di putrefazione.

Bisogna mandarla giù velocemente
O ci si abitua al gusto del sangue.

Michael 97

__________________________________________________ ___

Amico mio,
spesso la realtà per vestirsi a festa indossa il dolore,
le ferite dell'anima, nessuno li vede ma sanguinano lo stesso
le cicatrici del cuore le conosce solo chi le porta,
ma ciò che non c'ammazza ci rende più forti.

Buon inizio di settimana 8)
Michael :rose

illary 12-04-2005 03:04 PM

Citazione:

Un rasoio proietto nella mia mente

Ne saggio il filo
Affilato,
Metallico
Come il rosso che sporca la mia mano
e gocciola per terra
("saranno mai pulite le mie mani?")



La lama
Di un rasoio
affilato
E' la corda su cui cammina
a piedi nudi
la mia vita


CREDIMI AVREI POTUTO CITARLA TUTTA
mi ha emozionato.
l'ho letta e riletta e poi salvata fra le poesie della cartella "POETI" che ho nel pc.
scusami se stavolta nn faccio commenti, ma nn potrei, davvero.
posso solo dire COMPLIMENTI AZAZEL. :OK :-)

illary 12-04-2005 03:10 PM

FANNE UN ALTRO TOPIC
QUESTA POESIA MERITA UNO SPAZIO SUO.
un abbraccio

illary 12-04-2005 03:22 PM

cmq spero e ,infondo credo davvero, che questo posto sia l'acqua che porta lontana quella barca, meglio che il vetro si sia rotto e l'abbia liberata.
lo spazio che c'è qui x le tue parole sarà le onde che culleranno la tua contraddizione con più serenità.
:cool:

Azazel 12-05-2005 12:32 PM

Michael e Illary,
Grazie delle vostre splendide parole..

Michael..
di certo questo momento mi renderà più forte..
Ma spero solo che non mi cambi,
non completamente,non per sempre..

E spero di ritrovare la mia serenità,
persa chissà dove,chissà quando..

Se mai l'ho mai avuta..
A malapena ricordo il significato di questa parola..

Illary,magari fossi davvero un poeta!!!...
Sono solo pensieri grezzi questi,
Un poeta ne farebbe magie!

ma sono contento che ti piacciano,
E non sai quanto..

Speriamo che davvero quella barca
arrivi al mare un giorno,

Veleggiando dove la porterà il vento!
:hug :hug

illary 12-05-2005 12:40 PM

"un poeta è quell uomo che sa dare alle parole le immagini delle proprie emozioni ed essere i propri occhi che si fanno occhi del mondo"

ci arriverà quella barca

Pooh 12-06-2005 05:55 PM

Re: 30 novembre
 
Citazione:

Originariamente inviato da Azazel

Chi è che mi ha strappato in due l'anima?
Chi mi ha strappato il cuore pulsante?

Dove ero mentre questo succedeva?

Che senso ha questo dolore?

Ciò che ero
è sato strappato in piccoli pezzi..


Azazel...... :-( :hug :hug :hug :hug :hug :hug :hug :hug :rose :rose

Ti abbraccio forte forte

-Pooh- :rose

Azazel 12-06-2005 06:29 PM

Grazie
PooH!!!

;) ;) ;) ;)

Azazel 12-09-2005 10:18 PM

Nevermore to feel the pain
The heart collector sang
And I won't be feeling hollow for so long
Nevermore to feel the pain
The words fall out like fire
Just believe when you can't believe anymore


Non sono parole mie,
ma il testo di una canzone.(stupenda fra l'altro..)
Eppure incarna il mio pensiero,perfettamente, adesso.
L'ho scelto anche come firma..

Lo posto perchè sento che questo filone non è ancora finito,
e che questo è un momento di passaggio verso qualcos'altro..
Che cosa?
Lo vedremo..
Quando lascerò il prossimo pensiero..
Quando capirò dove sta viaggiando questa barca..
Dove sta viaggiando la mia vita..

P.S.
La traduzione è:

Mai più sentire dolore
Cantò il collezionatore di cuori
E io non mi sentirò vuoto così a lungo

Mai più sentire il dolore
Le parole cadono via come fuoco
Credi soltanto,quando non puoi più credere


Queste parole hanno qualcosa di magico in ogni strofa..

E io voglio credere..
che mai più sentirò il dolore
e che non mi sentirò vuoto così a lungo
e che le parole non cadranno più come fuoco
Incendiando persone

Voglio credere anche se non riesco a crederlo.

Voglio credere..
Che non sentirò il dolore..
Che non mi sentirò così vuoto..

Mai più.

:rose
Alla prossima puntata!

Azazel 12-10-2005 03:43 PM

10 Dicembre

Uccidi il dolore,
Nascondine i resti
affinchè
Sangue e ferite non parlino

Nascondili
Ai piedi dell'arcobaleno nascondili.
Per mai essere trovati

Non lasciare
Non lasciare la terra imporporarsi.
Non lasciare si avveleni.

Ma intingici un pennello
(bastano poche goccie)
e dipingi un tramonto,
nel cielo.

E quando il cielo
Lo stesso cielo
Sanguinerà nel tuo dolore

Guarda lo squarcio
da cui s'affaccia il Sole

Domandandoti:

"Con poche goccie ho dipinto il cielo
E allora
Perchè
Non vi è Sole che riscaldi
il mio freddo squarcio?

Che meraviglioso globo di luce e calore sarebbe..
Che riderebbe difronte a ciò che gli altri chiamano Sole
Nella sua possenza.."


Ma guardando il sangue sulle tue mani.
Sul tuo corpo.
Sul tuo dolore.
Ormai freddo..

Freddo ti senti
e più leggero e solo..

Il dolore..a suo modo riscaldava.

Rimane solo quel vuoto..
freddo vuoto
che si mangia ogni istante
Prima che arrivi.

E ti guardi attorno e vedi solo rosso.

E vorresti andare a piedi dell'arcobaleno
e coprire il rosso del tuo dipinto con ognuno di quei colori
non solo il rosso,
ma anche arancione, giallo, verde, blu, indaco, viola.

E mischiarli.
E giocarci
E nuotarci dentro..
E regalarli agli altri

Ma mentre stai correndo scopri
hai dimenticato la strada per giungere ai piedi del'arcobaleno.
E gli altri sono solo ombre.

Sei solo nel rosso del dolore che ti sei dipinto.

E mentre si alza il vento..
Un vento gelido

Il rosso ti si è seccato addosso.

Perchè anche quando è passato..
Il dolore segna ogni cosa tocchi.

E al vento affiderai le tue lacrime..
Perle che divengono rubini
Nel rosso che non lascia scampo.

E tramuta in rosso ogni cosa tocchi.

illary 12-12-2005 03:24 PM

Citazione:

E mischiarli.
E giocarci
E nuotarci dentro..
E regalarli agli altri

Ma mentre stai correndo scopri
hai dimenticato la strada per giungere ai piedi del'arcobaleno.
E gli altri sono solo ombre.

Sei solo nel rosso del dolore che ti sei dipinto

se stai correndo nn pensare ad altro continua a correre anche se quella strada t sembra di averla dimenticata
io ho l'impressione che tu ti fermi sempre ad un passo dall'uscire dal dolore. come se te ne fossi ancorato, come se ti fosse amico, come se perderlo sarebbe essere più solo.
credimi capitano momenti così, momenti in cui ci sembra ke la vita sia solo tutto il male che offusca i nostri occhi.
ma il nero nn è l'unico Colore del mondo.
mi piacerebbe leggere anche solo una volta di un istante in cui si legga felicità e colori in quello che scrivi.
in questa poesia, bellissima come tutte le altre, c'erano dei colori.. ma poi subito spariti.
saresti un ottimo scrittore della vita, nn solo della morte come credi.
un abbraccio


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 11:19 AM.

Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.