Visualizza Messaggio Singolo
Vecchio 04-05-2011, 09:26 AM   #30
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.961
Predefinito Riferimento: Le nostre "prime" poesie

Terry

Sorrido, nella mia stanza chiusa al mondo, lontano dai raggi del sole e dai sorrisi idioti della gente per bene…

Sorrido alla fortuna di chi vive,
alla certezza di chi crede,
all’egoismo di chi uccide,
all’ignoranza di chi vede tutto bello.

Ho avuto l’impressione d’essere una donna libero,
nella completa solitudine,
al di fuori del conformismo, manifesto,
del mio gran paese.

Mi sono illusa di poter volare
lontano dai compromessi, dalle ideologie politiche,
e dai televisori.

Ho isolato il cervello, ad ogni cambiamento,
all’amore e alla fantasia,
chiuso nella mia gabbia di libertà,
senza poster e senza allegria,
vuota alla tristezza e alla malinconia.
Ho perso il cuore, necessario in fondo, troppo amore per una donna libera.

Non ho pensato a dio,
Come non ho pensato ad un qualsiasi creatore,
Tutto è nato così per caso
I valori le sicurezze
il lavoro
il sesso…

La libertà ti porta a pensare che nulla
Ti rende realmente libero,
nemmeno, le corse di un bambino,
la gioia di una madre,
il senso d’onnipotenza
del cinico ed arrogante paparazzo,
l’organizzazione,
l’amicizia,
le corse in macchina,
il salto nel vuoto.

Questo ** di bicchiere ancora non è finito
e già penso alla morte…

Al fatto di non poter scegliere dove essere seppelliti,
al fatto che anche in quella circostanza non si è liberi di decidere dove spargere le nostre ceneri,
al fatto che una volta passati dall’altra parte
qualcuno potrebbe anche dirci
quella è la sua porta,
quella è la sua stanza,
quella è la sua galera.

E’ finito il bicchiere meglio che vada a dormire
(2006)
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando