AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Poesia > Musica

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 02-01-2015, 07:02 PM   #1
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito L'angolo del progressive

A questo genere musicale che ha avuto il suo apogeo nella prima metà degli anni 70 sono stati accostati gruppi anche molto diversi…. definire il “progressive” infatti non è così semplice, anche se certe caratteristiche erano uguali un po’ per tutti….brani lunghi,frequenti cambi di tempo ,assoli, intrecci vocali e strumentali……in questa “eta’ dell’oro”, anche la scena italiana ha fatto la sua parte con molti gruppi, alcuni di grande talento.
Una cosa e’ certa. Con le dovute eccezioni, era una musica profondamente innovativa,scritta e pensata da chi sapeva suonare davvero. Ancora oggi ci sono gruppi che tentano di tenere alta la bandiera prog….
Comincio con un gruppo italiano tra i meno noti…di cui avevo il vinile…ARTI E MESTIERI


BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-08-2015, 08:57 AM   #2
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Una delle piu' innovative band dell'epoca...anche se nel video sotto non c'è il leader Robert Fripp ma Steve Hackett , questa e' una canzone tratta da un album storico.
Benvenuti con questa esibizione live alla corte dei Re Cremisi....
King Crimson " In the Court of the Crimson King"


BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-08-2015, 09:42 AM   #3
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Enrico, mi era sfuggito questo spazio per il PROG!!!
ok, comincio con il primo dei millemila filmati?
dal mio punto di vista la più grande band Prog italiana, la prima ad avere usato il Moog, la prima ad avere successo negli USA, la prima a fare qualcosa che fosse un mix di musica classica/rock/tradizionale italiana

PFM - Premiata Forneria Marconi - Prog Exhibition 2010 - Live

BORKED

per gli appassionati, una splendida Bouree di Bach al 30° minuto, con il mitico Ian Anderson dei jethro Tull
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe



Ultima modifica di goriziano; 02-08-2015 alle 09:44 AM
goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-08-2015, 09:46 AM   #4
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

BORKED

La voce del moog

FRANCO - Impressioni di settembre è’ un brano a cui sono fortemente legato.
E’ uno di quei brani che sono usciti di getto, come un dono del cielo che arriva inaspettato, e al momento giusto. Un momento di ispirazione vissuto sul divano dei miei genitori, con lo sguardo sognante, le dita che trovavano da sole gli accordi che servivano ad accompagnare una melodia che esce di getto, un canto il cui sviluppo cercava di portarmi verso un culmine, una sorta di immagine di apoteosi, di supremo appagamento, di sfogo benefico e positivo che è sfociato nell’inciso musicale.
Impressioni di settembre nacque così, e così rimase con la sola aggiunta a posteriori di un momento gridato sulla seconda parte, sollecitato dalle necessità del testo di Mogol.
Franz - "Impressioni di Settembre" venne composto sulla base di una intuizione fantastica di Franco: era la prima canzone che non aveva il classico ritornello. Mi correggo: il ritornello c'era, ma era suonato, non cantato. Quell'inciso era talmente bello che ci sembrava di non avere a disposizione lo strumento adatto per farlo. Provammo con il flauto, ma non aveva la forza evocativa, lo facemmo con la chitarra, ma era troppo normale. Mancava lo strumento... ma questo strumento esisteva. Lo avevamo sentito in un disco di Emerson Like & Palmer che si chiamava "Luky man". Era uno strumento dalle sonorità nuove, simili a quelle delle tastiere e dei fiati. Sapeva di terra, di cielo, di mare e di tutte queste cose insieme. Ci informammo e venimmo a sapere che lo importava la ditta Monzino. Si chiamava Moog, dal nome del suo inventore ed era composto da tre oscillatori che creavano delle onde da mescolare insieme. Potevi giocare con delle manopole e creare il tuo suono. Potevi farlo più acuto, più morbido, come volevi: poteva sembrare una sega, un clarino, un ottavino... poteva sembrare tante cose ma era comunque sfacciatamente sintetico e tremendamente bello e affascinante, perché ti scuoteva. Era la prima volta che si sentiva un suono sintetico e ci entusiasmò.
Come nelle migliori fiabe, arrivò un colpo di fortuna. Incontrammo il Signor Monzino quasi per caso, alla "Mostra dello strumento" del 1971. Aveva con se un prototipo di Moog, il secondo, perché fino a quel momento lo possedeva solo Keith Emerson, che lo aveva ricevuto dal signor Moog in persona. Al solo pensarci sospiravamo di sconforto: giocavamo ad armi veramente impari. Così guardavamo estasiati il Moog dei nostri sogni - un modello portatile - convinti che fosse proprio quello che ci serviva. "Quanto costa?" chiedo a Monzino. Costava uno sfracello e mezzo. E noi uno sfracello e mezzo non ce l'avevamo. Ancora una volta riappare l'abruzzese che c'è in me e dico a Monzino: "Guarda, io penso che questo strumento potrebbe veramente dare una svolta alla musica italiana. Dallo a noi e ne venderai almeno dieci". Non so come, ma Monzino ci diede il moog. Con il suo suono incidemmo Impressioni di Settembre. Uscì il disco e fu un botto pazzesco. Era un suono nuovo, una novità per i sensi, una nuova creazione di immagini e suggestioni. Ci diede una marcia in più (oggi si direbbe un vantaggio competitivo) e ci fece conoscere come un gruppo originale, innovativo. Un vero gruppo di pop music. Il primo in Italia. Fu da questo successo che nacque l'idea di fare il primo LP.
Quanti Moog vendette Monzino? Molti più di dieci!

http://www.pfmpfm.it/anni_70/curiosita70.htm
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-15-2015, 10:10 AM   #5
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive



Ecco a voi gli OSANNA....Il gruppo napoletano suonò anche con i Genesis nel loro primo tour italiano, e chissà che lo spettacolo degli Osanna non abbia influenzato in qualche modo Peter Gabriel...questo e' un brano dal loro terzo disco "Palepoli" per molti esperti, e' considerato tra i migliori dischi prog italiani.Magari la musica non piacera' a Essenzina ma il video credo di si...


BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...

Ultima modifica di enrichetto; 03-25-2015 alle 07:26 PM
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-17-2015, 05:43 PM   #6
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Gli Abiogenesi, gruppo storico del new progressive italiano, hanno realizzato nel 2006 questa cover (omaggio agli Uriah Heep) di Lady In Black. Il testo è riscritto in italiano e vede come ospiti Gigi Venegoni e "Mary Clark" dei Black Widow.

BORKED
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-18-2015, 04:05 PM   #7
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Rock romantico, rock barocco, rock sinfonico, classic rock...possiamo chiamare come vogliamo la musica dei Genesis..posto questo video perche' "Firth of fifht" e' uno dei brani che preferisco...e anche perche'..io c'ero. Veramente c'ero anche nel loro concerto romano (credo fosse nel 1973) con la formazione originale e cioe' Con Peter Gabriel e Steve Hackett...
Miglior album secondo me "Selling England by the pound"


BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-19-2015, 11:22 AM   #8
Essenza
Moderatore*
 
L'avatar di Essenza
 
Data Registrazione: Dec 2007
Messaggi: 6.808
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio
Ecco a voi gli OSANNA....Il gruppo napoletano suonò anche con i Genesis nel loro primo tour italiano, e chissà che lo spettacolo degli Osanna non abbia influenzato in qualche modo Peter Gabriel...questo e' un brano dal loro terzo disco "Palepoli" per molti esperti, e' considerato tra i migliori dischi prog italiani.Magari la musica non piacera' a Essenzina ma il video credo di si...


BORKED
mai sentiti
__________________

Sii come il fumo: sali,
pensa che nell'evadere nessuno dirà
«ti ebbi e ho potuto misurarti».
(José Hierro)

Essenza è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-22-2015, 09:58 AM   #9
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Perche tu si na guagliuncella...

Gli Emerson Lake & Palmer o piu' semplicemente E.L.P....il loro sound era una miscela tra rock e classica. Grande tecnica strumentale.
Difficile dire quale sia il loro miglio disco...voto per Brain Salad Surgery, caratterizzato dalla bellissima copertina realizzata da H.R. Giger, all'epoca poco famoso ma di lì a poco celeberrimo per la realizzazione delle creature di "Alien".



BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-27-2015, 01:47 PM   #10
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Jethro Tull
evito per il momento di postare il loro capolavoro Aqualung per iniziare con una rielaborazione di un noto brano di Giovanni Sebastiano Bach

Jethro Tull Bouree live


BORKED
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 02-27-2015, 07:18 PM   #11
Rosanna
Amico*
 
L'avatar di Rosanna
 
Data Registrazione: Jan 2007
Località: in un posto che conoscono gli aironi: li nel regno dei Cieli
Messaggi: 4.418
Invia un messaggio via MSN a Rosanna
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive



ma quante volte l'avremmo cantata!


BORKED
__________________
Chi trova un amico trova un tesoro!
Rosanna è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-01-2015, 06:44 AM   #12
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

Uno dei gruppi piu' amati e conosciuti anche all'estero..LE ORME.
Formazione a tre e nello stile degli E.L.& P., con le tastiere predominanti, hanno sempre vantato un repertorio ricco di riferimenti simbolici al variegato mondo femminile affrontando anche tematiche scottanti all'epoca considerate tabu'.
Miglior disco...credo "Uomo di pezza" ( memorabile copertina apribile in stile fantasy)ma anche "Felona e Sorona". (Entrambi dischi d'oro)
Il video sotto si riferisce alla partecipazione al Prog Exhibition di Roma nel novembre 2010...manca il mitico Michi dei Rossi alla batteria...in compenso come ospite d'onore per questo mix di brani mister David Cross (King Crimson) al violino.


BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-02-2015, 06:56 PM   #13
goriziano
Moderatore*
 
L'avatar di goriziano
 
Data Registrazione: Nov 2006
Località: milano, più o meno...
Messaggi: 8.350
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

quando la musica classica incontra il rock:NEW TROLLS
il gruppo incise quello che molti critici considerano il loro capolavoro: Concerto grosso per i New Trolls.
Concerto grosso per i New Trolls è un'opera originale scritta dal musicista Luis Enriquez Bacalov ed eseguita dai New Trolls in stile progressive.
Il titolo deriva da una forma di esecuzione musicale del XVIII secolo, composta da tre movimenti e una canzone.
Pubblicato nel 1971, contiene testi scarni. L'album fu scelto come colonna sonora del film La vittima designata.
Nella seconda facciata dell'album i New Trolls propongono anche l'incisione di una improvvisazione musicale.
Il risultato è stato un disco di grande successo, con oltre 800.000 copie vendute.
L'album è caratterizzato da sonorità progressive che uniscono elementi di musica classica a passaggi che ricordano le grandi band del progressive britannico dell'epoca (per esempio Jethro Tull e King Crimson).
Il materiale di Concerto grosso fu scritto da Luis Bacalov (e Sergio Bardotti per i testi), e la realizzazione dell'album vide la partecipazione di Maurizio Salvi.

questa recente esecuzione dal vivo comprende i tre Concerti che il gruppo incise

BORKED
__________________
L'unda de ieer porta l'unda de incöö
l'öcc de un vecc l'era l'öcc de un fiöö

giuseppe


goriziano è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-04-2015, 05:14 PM   #14
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive


Rock’n’roll, blues, musica classica contemporanea, jazz, fusion....tutto in uno stile inconfondibile...quello zappiano.
FRANK ZAPPA compositore chitarrista cantante produttore...genio non etichettabile .mente libera e critica feroce contro una certa America, non solo quella della guerra in Vietnam o di Nixon ma anche quella del dio-denaro,del falso moralismo...che naturalmente sconto': pochi passaggi in radio, censura dei dischi ecc ecc. Ho avuto la fortuna di assistere a un suo concerto nel 1982...
Veramente difficile definirlo in poche righe.
come e' difficile indicare il miglior disco...forse "Hot rats" ma anche i primi due album, veramente rivoluzionari per l'epoca (1966/67) "Freak Out! " e "Absolutely Free"
Purtroppo e' scomparso a 53 anni.



BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-21-2015, 09:39 AM   #15
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: L'angolo del progressive

IL virtuosismo tecnico l'epica strumentale e l'influenza classica trovano negli Yes, gruppo musicale britannico, un sound tra i più caratteristici ed originali del progressive. Visti due volte dal vivo...
bellissime le copertine fantasy dei loro album dell'artista Roger Dean.
Miglior disco sempre a mio giudizio,forse “Close to the edge” ma credo che il triplo “Yessongs”
riassuma bene il loro concetto musicale.
Ancora oggi sono in attivita' ma la formazione “tipo”per me e' formata da Jon Anderson, Steve Howe, Rick Wakeman, Chris Squire e Bill Bruford
IL video sotto e' di un concerto tenuto a Londra nel 1972.




BORKED
__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 10:01 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs