AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Generale > Riflessioni

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 09-28-2012, 04:28 PM   #1
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Cosa leggere...

Il mio buon Seneca esortava il suo Lucilio ad avere con se’ non molti libri ma utili. Fu anche il parere del filosofo Aristippo e di ...enrichetto.
Come per la televisione il cinema o la musica cosi e’ per i libri.
Siamo nella societa’ dell’immagine e del profitto , niente di strano se
gli editori promuovono maggiormente un libro piuttosto di un altro... forse si vuole arrivare a questo...al volume usa e getta...
... non mi arrogo certo il diritto di dire cosa leggere e cosa no....non sono un intellettuale ne’ uno snob....l’importante e’ leggere, come declamato da Pennac.E non sono contro la lettura d’evasione ...io per esempio ho letto anche H.Potter....pero’ e’ altrettanto vero che questo va a scapito della qualita’. Secondo me andrebbe un po’ incoraggiata la lettura di certi classici..Forse potrebbe farlo la scuola perche’ certe letture sono formative(ringrazio ancora le mie vecchie prof) ma se non siamo piu’ in eta’ scolare ci dobbiamo aiutare da soli, magari facendoci consigliare da qualche amico,non so...certo l’amore per la lettura non si puo’ imporre.......cosi come e’ difficile convincere tutti che la lettura di Kafka sia imprescindibile. Molti pensano di non essere in grado di capirli e magari che siano noiosi...certo qualche “mattone” c’e sempre ...pero’ bisognerebbe affinare un po’ i gusti letterari ,perche’ lo dico chiaramente,mi mette tristezza vedere le varie sfumature vendere piu’ di Baumann ... si puo’ iniziare con libri anche semplici ma che parlino di qualcosa di interessante...e poi piano piano si puo’ avanzare verso sfide piu’ grandi.
Ci sono tanti autori superpublicizzati che vendono le loro storielle come distributori automatici e affascinano lettori che si congratulano con se stessi credendosi alternativi o intelligenti pensando di aver letto pensieri profondi e perle di saggezza quando invece hanno letto banalita’incredibili ... e sorvoliamo sul fatto che ora come ora un libro lo scrivono tutti.... comunque come ho detto sopra l’importante e’ leggere....magari qualcuno da Bruno Vespa e Moccia arrivera’ a Dostoewskij chissa’...sara’ una lettura piu’ difficile ma lui e tanti altri si sono davvero interrogati in profondita’ sui significati importanti della vita...
Io dico NO al libro “prodotto”

E dico SI ai libri “veri” ..... e alle belle ragazze

__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-28-2012, 10:05 PM   #2
Alien
Amico*
 
L'avatar di Alien
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Cintura di Orione, seconda stella a sinistra (un pò sotto Varese)
Messaggi: 2.801
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Enri for president!
Hai pienamente ragione, ma mettere in pratica il tuo consiglio è dura.
Personalmente mi trovo spesso nella difficile situazione di consigliare dei libri di testo ai miei alunni: dovendo scegliere tenendo conto del poco tempo lasciato libero dalle materie tecniche (in un istituto tecnico non posso pretendere che italiano abbia più spazio nelle ore di compiti domestici di topografia o elettronica, anche se forse dovrebbe), la ormai cronica non abitudine a leggere, gli infiniti impegni extra che spesso i genitori impongono ai ragazzi, la televisione e internet, mi ritrovo a non sapere spesso cosa indicare.
I classici sarebbero una scelta sempre valida, ma cosa è un classico? Poi mi chiedo cosa capirebbero dei Dialoghi dei morti senza sapere dove collorare Luciano nella storia delle letteratura, oppure dove piazzare Joice tra i troppi autori italiani che si leggono ma non studiano in quinta.
Senza contare che molto spesso un bel saggio di storia viene visto più utile ai fini della maturità di un romanzo.
Che rompicapo! si accettano suggerimenti.

Poi c'è tutta la questione extra-scolastica, ma è già mezzanotte e le forze mi abbandonano. Stacco dal pc e vado a letto a leggere un po' di... romanzo premio Pulitzer nel 1960


__________________
La forza del dialogo sta nelle voci fuori dal coro
Alien è offline   Rispondi Citando
Vecchio 09-28-2012, 10:21 PM   #3
Rosanna
Amico*
 
L'avatar di Rosanna
 
Data Registrazione: Jan 2007
Località: in un posto che conoscono gli aironi: li nel regno dei Cieli
Messaggi: 4.418
Invia un messaggio via MSN a Rosanna
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

da quando sono qui mi faccio ispirare molto da i vostri commenti.
__________________
Chi trova un amico trova un tesoro!
Rosanna è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-01-2012, 10:52 AM   #4
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

‘aaaaa Enri’, basta che ti decidi:
o stai con Seneca e Aristippo o stai con Casanova e Valentino!
O filosofeggi o….seduci!



Sì, capisco perfettamente il concetto e il motivo del tuo post e condivido al 200%...con qualche precisazione: e ti pareva?
Hai detto una cosa sacrosanta: forse potrebbe farlo la scuola (velo pietoso sulla mia esperienza )..se no ci dobbiamo aiutare da soli. Per cui d’accordissimo sul fatto che occorre darsi da fare, informarsi, cercare e…osare!! Magari, come hai detto tu, per gradi, ma escludo che tutti possano leggere tutto, a volte dipende molto dal tipo di preparazione scolastica appunto. Poi mettici pure l’interesse….un mattone si legge comunque, ma solo se contiene qualcosa che va incontro ai nostri gusti o qualcosa che vogliamo portare alla nostra conoscenza.

Altra cosa. L’imprescindibilità di cui parli tu - in questo caso di Kafka - non mi convince (come hai supposto che fosse )…Cioè: sono imprescindibili i libri di scuola che ti danno una conoscenza generale di tutte le materie; per il resto ciò che è imprescindibile per te può non esserlo per me e viceversa. L’imprescindibilità in campo letterario è abbastanza soggettiva…dipende da cosa cerchi e da che obiettivo ti poni nell’attività di “lettura”. Che non è lo stesso per tutti.
Mi spiego ancora meglio: la cultura generale di base è imprescindibile perché l’ignoranza non è ammessa! Dobbiamo sapere leggere, scrivere, fare di conto, un “minimo” di nozioni storiche e geografiche e via dicendo….ma se non ho letto Kafka (lui o un altro) non è che non posso vivere o vivo peggio di chi l’ha letto.

L’altra riflessione è: come scegliere, quindi, cosa leggere? Vatti a fidare, infatti, delle librerie che mettono in rilievo sugli scaffali i più venduti…ma più venduto (come in ambito musicale) non significa “meritevole”!!!! E lì casca l’asino….allora chiedi ma, come detto, non tutti abbiamo gli stessi gusti e metri di misura...Se poi leggi i commenti nei risvolti di copertina o sul retro apriti cielo: sembrano tutti i libri più belli del secolo!
Oppure, vediamo un po’, scegli in base allo scrittore: Follet ne ha fatto uno solo bello, dopo è stata una delusione, non va bene nemmeno così…neppure quando ci sono i titoli o premi di mezzo. Saramago avrà pure vinto il nobel per la letteratura, ma non mi dà ciò di cui ho bisogno quando leggo.
Allora mi trovo alla Feltrinelli ad attendere…arrivano le 21 e prima di chiudere le saracinesche mi chiedono “Signora è tutto il giorno che è qui e non ha ancora scelto, ma che sta facendo..?”..”No, nulla, aspettavo un titolo ma mi ha dato buca”


Citazione:
Enricuccio:
Ci sono tanti autori superpublicizzati che vendono le loro storielle come distributori automatici e affascinano lettori che si congratulano con se stessi credendosi alternativi o intelligenti pensando di aver letto pensieri profondi e perle di saggezza quando invece hanno letto banalita’incredibili ...
Vero!!! E di questo puoi “ringraziare” FB che sta facendo veramente un disastro!! Proprio oggi mi sono cancellata da diverse pagine che mi avevano colpita con queste frasi, poi a forza di leggerle non ne posso più perché ti rendi conto che il 90% sono banalità assurde!!! E magari le letture ora vengono scelte anche in questo modo, aiuto….dal nome di chi ha scritto quella “perla di saggezza”. Ma cavoli, saper scrivere una frase non significa saper scrivere un libro!!

E poi avrei altre considerazioni da fare ma vi ho tediato anche troppo, chiedo scusa…


Citazione:
Alienuccio:
gli infiniti impegni extra che spesso i genitori impongono ai ragazzi
dopo questa affermazione mi aspetto come minimo una torta strabuona tutta per me!!!
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-01-2012, 10:57 AM   #5
Antonio.1986
Amico*
 
Data Registrazione: Oct 2008
Località: Marigliano (NA)
Messaggi: 597
Smile Riferimento: Cosa leggere...

Cito Borges:"Mi sembra che il Medioevo fosse un'epoca migliore della nostra. C'erano pochi libri, ma questi pochi erano riletti; gli uomini di quel tempo erano esenti da questa maledizione che è la stampa, se un libro durava è perchè valeva la pena di ricopiarlo. Ora invece tutto si stampa immediatamente, senza sapere nulla sul valore dello scrittore. [...] In quest'epoca non c'è solo l'inflazione monetaria, ma anche un inflazione bibliografica. Il valore del libro si è talmente abbassato con questa follia della pubblicazione in serie, in collane, che oramai esso, come la moneta, non ha alcun valore"
Forse il giudizio di Borges è un pò severo ed estremo ma contiene una certa dose di verità che sposa il ragionamento di Enrichetto..
Su cosa sia il classico, beh, faccio di nuovo uso di un pensiero di Borges:" Le emozioni che la letteratura suscita sono forse eterne, ma i mezzi devono costantemente cambiare, per non perdere la loro virtù. Si consumano a misura che il lettore li riconosce. Da qui il pericolo di affermare che esistono opere classiche e che lo saranno per sempre. [...]
Classico non è un libro che necessariamente possiede questi o quegli altri meriti; è un libro che le generazioni degli uomini, spinte da diverse ragioni, leggono con previo fervore e con una misteriosa lealtà."
Borges è un classico e forse non lo sapeva nemmeno...
Spero di aver risposto anche un pò ad Alien..
Antonio.1986 è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-01-2012, 04:53 PM   #6
Alien
Amico*
 
L'avatar di Alien
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Cintura di Orione, seconda stella a sinistra (un pò sotto Varese)
Messaggi: 2.801
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Citazione:
Originariamente inviato da delfina Visualizza Messaggio
dopo questa affermazione mi aspetto come minimo una torta strabuona tutta per me!!!
oh Delfina curiosa, io sono uno sportivo, lo sai, e sono istruttore in duplice veste, sia scolastica che sportiva, tuttavia se potessi scegliere eviterei che tra le due la precedenza venga data allo sport. Il motivo di questo mio pensiero risiede nel fatto che per troppi genitori la parola sport viene confusa con agonismo, perdendo quell'aspetto ludico, ricreativo e socializzante che invece penso debba avere. Non hai idea di quanti genitori ho visto spronare i figli come se questi dovessero diventare campioni del mondo! Glielo auguro, per carità, ma per mille che tentano quanti diventano campioni? Tutti gli altri falliscono e diventano spesso degli adulti frustrati e delusi che, soprattutto, hanno nel frattempo sprecato l'opportunità più importante della loro vita: istruirsi.

Finita la filippica, torniamo ai libri e ai classici.
Belle le frasi di Borges. In merito ai classici mi è venuta in mente un'altra definizione "Classico è un testo che non ha mai finito di parlarci"
__________________
La forza del dialogo sta nelle voci fuori dal coro
Alien è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-02-2012, 12:12 PM   #7
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Alien, su questo concetto sono dalla tua

Baciuz
Delfina curiosa
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-08-2012, 12:14 PM   #8
enrichetto
Moderatore*
 
L'avatar di enrichetto
 
Data Registrazione: Aug 2005
Località: Roma
Messaggi: 7.982
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Quoto le citazioni di Antonio..anche Borges era un grande...e sono d'accordo con Alessandro sullo sport e sulle sue perplessita' in genere. Voglio poi rispondere a Delfinetta.L' imprescindibilita' in campo letterario e' soggettiva, e' vero , e neanche si puo' leggere tutto...pero' per studiare la matemativa si comincia dalle tabelline...per questo dicevo che la scuola e' importante.Nello specifico...Camus (un altro di cui bisognerebbe leggere qualcosa) diceva che l'arte di Kafka stava nell'obbligare il lettore a rileggere da nuove angolazioni.
Kafka evita la tentazione di chiudere questioni destinate a restare per sempre aperte... incoraggiando lo sforzo del ri-pensare.

Dobbiamo considerare poi il tempo e le condizioni in cui sono stati scritti certi libri... una cosa che ti ha illuminato da giovane adesso magari la trovi prevedibile....come e’ vero che alcune riletture sono interessanti e anche attuali. Bisognerebbe fare una classifica di “imprescindibili” secondo noi....magari in un altro post.
Detto questo naturalmente sono assolutamente d’accordo che lui o altri non ti diano quello di cui hai bisogno ...e’ cosi per tutti.... anche io vado a momenti....e leggo anche cose leggere come gia’ detto. .Voglio lasciare due citazioni...

Ma è bene se la coscienza riceve larghe ferite perché in tal modo diventa più sensibile a ogni morso. Bisognerebbe leggere, credo, soltanto i libri che mordono e pungono. Se il libro che leggiamo non ci sveglia con un pugno sul cranio, a che serve leggerlo? Affinché ci renda felici, come scrivi tu? Dio mio, felici saremmo anche se non avessimo libri, e i libri che ci rendono felici potremmo eventualmente scriverli noi. Ma noi abbiamo bisogno di libri che agiscano su di noi come una disgrazia che ci fa molto male, come la morte di uno che era più caro di noi stessi, come se fossimo respinti dai boschi, via da tutti gli uomini, come un suicidio, un libro deve essere la scure per il mare gelato dentro di noi. Questo credo.

(Franz Kafka, lettera a Oskar Pollak del 27.I.1904)
---------------------------------------------------------------------

“Per me, oggi, non c’è niente di piu’ sexy di una donna che legge”
Jonathan Franzen

Quindi care aurorine ...so quanto siete sexi quando leggete ....

(sono comunque gradite foto...massima serieta’ e discrezione)


__________________
Io li odio i nazisti dell'Illinois...
enrichetto è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-08-2012, 09:25 PM   #9
absinthè boy
Amico*
 
L'avatar di absinthè boy
 
Data Registrazione: Jun 2008
Località: bosco degli urogalli
Messaggi: 1.307
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Purtroppo passare davanti ad una libreria e guardare tutti quei libri iperpubblicizati coi titoli cubitali entusiastici del critico vattelapesca di turno , è veramente uno spettacolo penoso.
Allora per principio schivo come la peste la vetrina dove fanno bella mostra le ultime novità e mi piace sempre addentrarmi nelle parti un pò più remote nella speranza di trovare qualche bella perla.
Cmq penso che principalmente la lettura debba darci "due ali" , due ali per farci innalzare per qualche giorno e devono essere due ali di cui ci dobbiamo ricordare poi anche nei periodi a seguire. Il libro ci deve far riflettere , sognare , pensare , far venire voglia di agire , di indignarci , perchè nò ?!
Se per fare questo ci serve un classico , ben venga il classico o quello che si reputa comunemente "un mattone". se invece abbiamo bisogno di titoli più moderni , leggeri , buoni per un pò evasione , ben vengano pure quelli.
Se la letteratura è quel gioco bellissimo che l'uomo si è inventato per dare un senso alla realtà modificandola a suo piacimento , ognuno di noi sa in cuor suo di cosa ha bisogno in quel momento .
Come diceva il grande Calvino in lezioni americane :"leggerezza , rapidità , esattezza , visibilità e molteplicità".
Io ad esempio stasera sono per la leggerezza estrema e la velocità , dunque credo che mi dedicherò al massimo alle lettura di un settimanale
motociclistico , tuffandomi nella cronaca delle gare , le gesta dei piloti , i commenti dei vinti e del vincitore , le facce stralunate e sudate , l'esultanza dei campioni.
E aggiungo...e chi m'ammazza ??!! :
__________________
"le donne vanno trattate bene quando è ora" (Oran Pamuk)
absinthè boy è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-09-2012, 11:27 AM   #10
Alien
Amico*
 
L'avatar di Alien
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Cintura di Orione, seconda stella a sinistra (un pò sotto Varese)
Messaggi: 2.801
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Citazione:
Originariamente inviato da absinthè boy Visualizza Messaggio
Io ad esempio stasera sono per la leggerezza estrema e la velocità , dunque credo che mi dedicherò al massimo alle lettura di un settimanale
motociclistico , tuffandomi nella cronaca delle gare , le gesta dei piloti , i commenti dei vinti e del vincitore , le facce stralunate e sudate , l'esultanza dei campioni.
Evvai! Forza Max!

[scusate per il tifo, ma quando ci vuole, ci vuole!]
__________________
La forza del dialogo sta nelle voci fuori dal coro
Alien è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-10-2012, 12:04 PM   #11
absinthè boy
Amico*
 
L'avatar di absinthè boy
 
Data Registrazione: Jun 2008
Località: bosco degli urogalli
Messaggi: 1.307
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Citazione:
Originariamente inviato da Alien Visualizza Messaggio
Evvai! Forza Max!

[scusate per il tifo, ma quando ci vuole, ci vuole!]
o.t.

guarda che posso vantare di aver avuto a cena il suo più acerrimo ex rivale
__________________
"le donne vanno trattate bene quando è ora" (Oran Pamuk)
absinthè boy è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-10-2012, 01:19 PM   #12
Alien
Amico*
 
L'avatar di Alien
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Cintura di Orione, seconda stella a sinistra (un pò sotto Varese)
Messaggi: 2.801
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Citazione:
Originariamente inviato da absinthè boy Visualizza Messaggio
o.t.

guarda che posso vantare di aver avuto a cena il suo più acerrimo ex rivale
non vorrei andare off topic ma ho la memoria corta. Non ricordo suoi ex rivali che negli ultimi 3 anni abbiano vinto mondiali, mentre Max ne ha vinti 4 (2 piloti e 2 marche)

OT fine
__________________
La forza del dialogo sta nelle voci fuori dal coro
Alien è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-15-2012, 08:02 AM   #13
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Citazione:
Originariamente inviato da enrichetto Visualizza Messaggio
Ma è bene se la coscienza riceve larghe ferite perché in tal modo diventa più sensibile a ogni morso. Bisognerebbe leggere, credo, soltanto i libri che mordono e pungono. Se il libro che leggiamo non ci sveglia con un pugno sul cranio, a che serve leggerlo? Affinché ci renda felici, come scrivi tu? Dio mio, felici saremmo anche se non avessimo libri, e i libri che ci rendono felici potremmo eventualmente scriverli noi. Ma noi abbiamo bisogno di libri che agiscano su di noi come una disgrazia che ci fa molto male, come la morte di uno che era più caro di noi stessi, come se fossimo respinti dai boschi, via da tutti gli uomini, come un suicidio, un libro deve essere la scure per il mare gelato dentro di noi. Questo credo. [/FONT][/COLOR]

[COLOR=black](Franz Kafka, lettera a Oskar Pollak del 27.I.1904)
stupendo... ma non è valido...così mi fai venire voglia di leggere Kafka e credo che quando lo farò sarò ancora più sexy

Citazione:
Absy: Se la letteratura è quel gioco bellissimo che l'uomo si è inventato per dare un senso alla realtà modificandola a suo piacimento , ognuno di noi sa in cuor suo di cosa ha bisogno in quel momento .
bella questa!

Pensavo che esiste anche la scelta "per ostinazione"...avete presente quando chiedi quel libro e ti rispondono che non solo non ce l'hanno ma neppure c'è la possibilità di ordinarlo...?
Allora i casi sono due: o era così invendibile per cui non lo ristampano e non ti perdi nulla...oppure era così meritevole che è andato a ruba, poi per una qualche scelta dell'editore non è più stato stampato e ti stai perdendo il libro della tua vita
Delfina curiosa diventa ancora più curiosa su quello che il libro può contenere, quindi continuo la ricerca...
delfina è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-18-2012, 03:44 PM   #14
Rosanna
Amico*
 
L'avatar di Rosanna
 
Data Registrazione: Jan 2007
Località: in un posto che conoscono gli aironi: li nel regno dei Cieli
Messaggi: 4.418
Invia un messaggio via MSN a Rosanna
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Ho cercato due libri che avevate consigliato qui e cioè :
Donne che corrono coi lupi e La luna Blu- il percorso inverso dei sogni.
niente non sono riuscita a trovarli in biblioteca e l'unica alternativa è acquistarli. Questo un bel dilemma: lì acquisto o no? Così ho rimandato la cosa dato che ho ancora dei libri da leggere in casa, però la curiosità mi tiene sottocchio e appena finiti quelli che ho ... li dovrò trovare..
__________________
Chi trova un amico trova un tesoro!
Rosanna è offline   Rispondi Citando
Vecchio 10-18-2012, 06:10 PM   #15
delfina
Amico*
 
L'avatar di delfina
 
Data Registrazione: Aug 2010
Località: Modena
Messaggi: 7.209
Predefinito Riferimento: Cosa leggere...

Se posso consigliarti, cara Ross, "Donne che corrono coi lupi" è da acquistare È un libro che va letto con calma e poi ripreso: non va restituito ma tenuto a fianco
delfina è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 10:11 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs