AuroraBlu Forum

Torna Indietro   AuroraBlu Forum > Circondiamoci di > Libri

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 11-15-2007, 03:18 AM   #1
Pooh
Amico*
 
L'avatar di Pooh
 
Data Registrazione: Aug 2004
Località: un po' di qua un po' di la, ma soprattutto fuori di me
Messaggi: 4.678
Predefinito Nati Due Volte (Giuseppe Pontiggia)

Ho finito questo libro da qualche settimana...devo dire che mi aspettavo di piu' però, tutto sommato mi è piaciuto. Solo avrei voluto che alcuni temi e alcune situazioni fossero un po' piu' sviluppati...insomma che ci fosse una trama bella tosta, perchè gli ingredienti tosti ci sono tutti
Comunque sia io lo consiglio a tutti questo libro. E' un buon approccio alla diversabilità per chi ancora non la consce...ma una buona lettura anche per chi c'è già a contatto
Vi lascio qui la copertina



E le solite citazioni

" Se ti vergogni, puoi camminare a distanza. Non preoccupati per me." (Paolo
" Idiota. Vuoi dimostrare agli altri, anzi a te stesso, come sei calmo. Come sai affrontare i rischi. Tanto non sei tu che rischi. Questo allora non l'avevo pensto.Siamo così calmi quando affrontiamo i rischi degli altri." (Prof. Frigerio, papà di Paolo-Narratore)

" [...] mi sento un attore che rilutta a recitare una parte, perchè si trova lì?, non è la sua parte.
Invece è la tua, è finito il tempo della commedia, ora è cominciata la tragedia. Hai già vissuto momenti simili a questo, è come se rispondessi a un appello, l'hai sempre detto, fare fronte, stai barattando con Dio, non la vedrai per un mese, no, è troppo, tre settimane, chiudi gli occhi, se tutto sta andando così è anche per colpa tua, non solo della medicina ufficiale, dov'eri quando te ne parlavano e tu eri assente? Non vederla più, no, non ti è richiesto, saresti infelice, sarebbe peggio per tutti.
Senti una voce dentro di te, priva di suoni, che ti risponde di sì, è come se qualcuno annuisse, non lo meriti, ma lhai ottenuto, i fai il segno della corce, mormori grazie." (Prof. Frigerio)

" Ci inganniamo a vicenda per non dirci mai la verità." (Prof Frigerio)

"Ma anche quella era stata una guerra. Una guerra fatta di sospetti e di tradimenti, di agguati e di cedimenti, fra tenerezza,odio e paura." (Prof. Frigerio)

" [...] Tu non hai tutte le colpe che credi. Le colpe sono sempre condivise." ("Lei",nome non specificato)

" Forse può sembrarti brutale, però è meglio sapere le cose che ignorarle." (Il Collega di Matematica del Prof. Frigerio)



" [...] Voi dovete vivere giorno per giorno, non dovete pensare ossessivamente al futuro. sarà una esperienza durissima, eppure non la deprecherete. Ne uscirete migliorati." (Medico)

" Questi bambini nascono due volte. Devono imparare a muoversi in un mondo che la prima nascita ha reso più difficile. La seconda dipende da voi, da quello che saprete dare. Sono nati due volte e il percorso sarà più tormentato. Ma alla fine anche per voi sarà una rinascita. Questa almeno è la mia esperienza. Non posso dirvi altro." (Medico)

" Certe case, come certe persone, danno il peggio di sè nel vestibolo,per poi correggere l'immagine iniziale. Ma sono solo i superficiali, diceva Wilde, a non fidarsi della prima impressione." (Prof. Frigerio)




" Quantai dialoghi dovrebbero svolgersi in tempi diversi! Occorrono talora danni per dare, almeno idealmente, le risposte adeguate. Ma l'interlocutore nel fratempo è morto o è sparito o se ne è dimenticato. Solo pochi ortunati dai riflessi fulminei hanno le reazioni che sarebbero condivise dalla memoria del futuro. Ma non possiamo imitarli, disorientati dal dubbio o pietrificati dalla sorpresa." (Prof. Frigerio)

" Normale.Chi è normale? Nessuno.
Quando si è feriti dalladiversità, la prima reazione non è di accettarla, ma di negarla. E lo si fa cominciando a negare la normalità. La normalità non esiste. Il lessico che la riguarda diventa a un tratto reticente, ammiccante, vagamente sarcastico.Si usano, nel linguaggio orale, i sengi di quello scritto: 'I normali, tra virgolette'. Oppure : 'I cosiddetti normali'. (Prof. Frigerio)

" Non è negando le differenze che lo si combatte, ma modificando l'immagine della norma." (Prof.Frigerio)

" [...] qualcuno è passato dal riso al sorriso, che non è una acquisizione da poco." (Prof. Frigerio)

" Ma in mezzo sta la virtù, dice Orazio, non la verità. Altrimenti sarebbe risolto il problema. La verità, per quanto riguarda li uomini, è sempre diversa." (Prof. Frigerio)

" Per prevenire l'ira consigliano di esibire la calma." (Prof. Frigerio)

" E' sterminato il numero delle cose che gli uomini sopportano, mentre negano di poterlo fare." (Prof. Frigerio)

" E'sempre bene, attaccando, fingersi aggredito." (Prof. Frigerio)

" Il complemento oggetto ci ha uniti, sia pure grammaticalmente. Ma la grammatica agisce più di quanto pensiamo su ciò che ci resta di oscuro nell'inconscio." (Prof. Frigerio)

" Era una di quelle menti in perenne effervescenza, in cui le idee ribollono e si rimescolano, gestite da una cucina irresponsabile. I signoli ingredienti sono apprezzabili, il sapore è gradevole, ma l'insieme è incommestibile." (Prof. Frigerio)
" [...] allora l'indisciplina era rivoluzionaria, oggi è istituzionale." (Prof. Frigerio)


" E' curioso che il concetto di maturità sia quello più invocato dalle persone immature. Ma anche qui si tratta di una contraddizione apparent: in realtà, accusando l'immaturità degli altri, difendono la propria." (Prof. Frigerio)

" La famiglia si difende contro i nemici. Alimenta anzi la percezione del pericolo (come roma alimentava, dice Sallustio, la paura, per ritrovare la saldezza interna). Ma poi scopre il nemico in casa." (Prof. Frigerio)

" Da che cosa si tradisce? Dal riso. E' il riso che rivela gli uomini, non il pianto. Molti sono gli animali che piangono, ma a ridere, che io sappia, sono state solo le scimmie antropoidi. Poi arrivano gli uomini." (Prof. Frigerio)
" (è una angoscia che una persona non riesca a piangere)" (Prof. Frigerio)

" Uno non può non preoccuparsi di una piccola catastrofe. Può rimanere indifferente. Ma se ride? Riso nervoso o idiota? No, riso di felicità. Si ride al cinema se l'arrogante scivola, se il tiranno si accascia, se il malvagio soccombo. Era questa la chiave di tutto : il nemico cade". (Prof. Frigerio)

" Infinite sono le ragioni con cui gli altri ci negano l'aiuto, ma la più astuta è che vogliono aiutarci." (Prof. Frigerio)

" (siamo sempre confortati quando troviamo normale l'assurdo. Grazie a questo lo sopportiamo)" (Prof Frigerio)

" Non ho mai capito perchè nell'inconscio le ferite non si rimarginano. Quasi tutte le ferite si rimarginano,ma nell'inconscio sanguinano tutta lavita." (Prof. Frigerio)


" Tutto si può comandare tranne ciò che si prova. Eppure gli altri non fanno che suggerirtelo. Costruiscono sistemi coerenti, postulano comportamenti matematici e traggono deduzioni inevitabili. Se ami devi reagire così. Ma io provo cose diverse." (Prof. Frigerio)

" La vita ne sa più che un teorema." (Prof. Frigerio)



" [...] e forse maturare è rispettare l'ingiustizia delle proprie reazioni. Forse maturare è sostituire alla giustizia delle convenzioni l'ingiustizia della libertà. Anche se questa-me ne sto rendendo conto- potrebbe essere l'introduzione a un manuale del criminale." (Prof. Frigerio)


" Le ragioni dei deboli ci colpiscono solo quando diventano le nostre." (Prof. Frigerio)

" E' unpeccato non poter estendere la pena ai ladri di anime, oltre che di corpi. Detesto i collezionisti di furti sessuali, disposti a qualsiasi inganno pur di ottenere ciò che gli stupratori dei corpi ottengono con la violenza. Questi stupratori di anime vengono talora scambiati per seduttori, ma c'è qualcosa che li distingue, a parte l'identià apparente dell'oggetto (mai parola più adeguata) del loro desiderio: ed è che non sono mai presi dalla preda, mai vinti dalla sconfitta della vittima. Corteggiano le donne conl astessa determinazione cupa con cui i misognini le evitano: entrambi infatti le odiano, sia pure con modalità e conseguenze diverse. Il loro disprezzo coincide con l'immagine di sè condivisa dall'altra parte, le dà una conferma e un suggello. E l'uomo ne ricava l'alibi per ricominciare ogni volta la caccia." (Prof. Frigerio)

" Ora i ladri di anime sono certamente più immorali che i ladri di una mela (il frutto biblico predilettoin questo genere di metafore), ma nessuna legge li perseguita. L'intenzione infatti, se non si trasforma in reato, non è mai una colpa. Ed è questo il minuscolo abisso che separa i due codici, penale e morale." (Prof. Frigerio)

" Siamo così arrendevoli nel dialogo! Almeno quanto inflessibili nel monologo." (Prof. Frigerio)

"Per trovare un accordo sulle cose, fingere di trovarlo sulle parole." (Prof. Frigerio)

" Lo sapevo. E' uno di quegli uomini con cui i conti non si chiudono mai." (Prof. Frigerio)

" Nelle cose è decisivo il modo in qui le affronti. Quello che ti sembrava impossibile diventa semplice."(Direttore della scuola elementare di Paolo)


" La persona che ci nega un favore la sera ce l'avrebbe magari concesso la mattina, se l'umore fosse stato diverso. Nessuno ha mai potuto, nè potrà mai, verificarlo. Ma sono quelle certezze ipotetiche cui dobbiamo le gioie per la nostra tempestività o le angosce per la sua mancanza." (Prof. Frigerio)


" Ledisgrazie, fra i tanti effetti, ne hanno alcuni linguistici immediati, ci rendono sensibili al lessico interessato dal problema. Si potrebbe aggiungere, con una illazione, che uno scrittore è chi è perennemente sensibile alle disgrazie del lessico, anche se non ne viene coinvolto. E che non aspetta di esserlo per riflettere sulle differenze dei significati. Questo contribuisce a spiegare come l'area lessicale dell'handicapsiaormai in preda alla nevrosi. Molti si chiedono perchè cieco sia diventato non vedente e sordo non udente. Forse una spiegazione plausibile è che cieco definisce irreparabilmente una persona, mentre non vedente circoscrive l'assenza di una funzione." (Prof. Frigerio)



" Penso a quanti fanno passare i doveri per favori, la scuola vera è fatta di eccezioni, rare come i professori che si rimpiangono." (Prof. Frigerio)

" Forse anch'io sono una persona sbagliata, chissà per quanti. Nonf acciamo che trovare sbagliati gli altri, pensando di sottrarci a questa sorte comune." (Prof. Frigerio)

" Ma con i parenti più stretti è meglio non approfondire, si hanno sempre cattive sorprese." (Prof. Frigerio)

" Ammettere i propri errori è anche il primo alibi per ripeterli." (Prof. Frigerio)

"L'attenzione alla meta parziale induce a non fissare quella finale e così, almeno in molti casi, a raggiungerla." (Prof. Frigerio)

" (quante volte scambiamo lapaura per una constatazione!)" (Prof. Frigerio)

" Siamo sempre chiamati a recitare una parte che non è la nostra." (Prof. Frigerio)

" Un medico deve essere prudente perchè non può sbagliare. Chieda l'aiuto di altri, faccia la parte dell'ignorante. Non può compromettere una persona per tutta la vita!" (Prof. Frigerio)

" Quante cose capiamo più tardi, mentre il debole le capisce prima, nell'economia lucida e lungimirante delle sue risorse." (Prof. Frigerio)


" Ha perso il sapere del corpo e deve ricostruirlo con la mente. Un lavoro di milioni di anni in un decennio: simulando naturalezza, imitando la tempestività, fingendo la immediatezza. La seconda nascita in un mondo per il quale anche noi stiamo diventando disabili." (Prof. Frigerio)



" Volete fare qualcosa di più per i vostri figli? Fate qualcosa di meno." (frase di un pedagogista Americano che viene in mente al Prof. Frigerio durante una riunione dei Genitori)

" Ma lo sa che la storia non si fa con i se?" (La Dottoressa)

" Non voglio arrendermi. E' la mia debolezza. Nellavita, quando non c'è alternativa, ci si arrende. Molti non aspettano altro. Vivono per arrendersi. Ecco,mi sta riuscendo il gioco. Ingigantisco i difetti degli altri per rimpicciolire i miei." (Prof. Frigerio)

" Mostrare soprattutto calma, quando la si perde." (Prof. Frigerio)

" Intravedo confusamente una via d'uscita, i paradossi mi hanno sempre dato un aiuto quando la ragione me lo negava." (Prof. Frigerio)

" Ho sempre pensato che il modo più sicuro per fare cambiare idea a una persona è di rassicurarla che non la sta cambiando." (Prof. Frigerio)

" Io parto da un presupposto.[...] Che lo stato voglia integrare il disbile anzichè emarginarlo nelle scuole speciali." (Prof. Frigerio)

" Protezione! Lei vuole proteggere troppo il suo ratazzo! E invece lui deve affrontare la vita!" (La Preside della scuola Media di Paolo)

" Trovi sempre qualcuno pronto a indicarti la strada che tu percorri tutti i giorni. Ma lo fa, dice, nel tuo interesse e devi perfino ringraziarlo." (Prof. Frigerio)

" Ho partecipato a una recita che mi lascia prostrato, felice, malinconico, una piccola vittoria in una guerra destinata a non avere fine." (Prof. Frigerio)
"


" Pensiamo i genitori in funzione nostra (quando non lo sono, li ripaghiamo di un odio inestinguibile), finchè, raggiungendo la loro età, cambiamo la nostra prospettiva nellaloro.Ma di solito è troppo tardi per informarli." (Prof. Frigerio)

" E' sempre bene, se vogliamo la solidarietà, inserire voci passive nei nostri bilanci.Gli altri ce ne sono grati. E sappiamo che mai ci vogliono così bene come quando non stiamo bene." (Prof. Frigerio)

" E' l'eccesso a tradire la menzogna, la verità non ama i superlativi." (Prof. Frigerio)

" Spesso la crudeltà viene chiamata inconscia solo perchè ricorre al sorriso per occultarsi: la lama afonda nel costato, ma chi ti pugnala ti sorregge amorevolmente e ti conforta." (Prof. Frigerio)

" Lui mi guarda con una curiosità rassegnata. Lo sapeva che gli adulti chiedono per rispondere loro." (Prof. Frigerio)

" Tutti glli uomini sono, a modo loro, infantili. Non si esce mai dalla infanzia. Ci siamo rimasti tropo a lungo." (Prof. Frigerio)

" Io cercavo di valorizzare il presente, ma questo rendeva il passato ancora più insopportabile." (Prof. Frigerio)

" Vedersi negata lafiducia dalle persone cui teniamo di più è una esperienza atroce che tutti abbiamo attraversato."(Prof. Frigerio)

" E' certo che nessuno prega l'Onnipotente con le mani in tasca." (Prof. Frigerio)

" ...neanche dalla stupidità guariamo completamente." (Prof. Frigerio)

" Forse preghiera e guarigione convergono, la preghiera è guarigione: non dal male, ma dalla disperazione. Perfino nel momento in cui si è soli, la preghiera spezza la solitudine del morente." (Prof. Frigerio)

" E la fede non è una fuga, ma una conquista." (Prof. Frigerio)

" (nel giudicare obiettivamente i figli oscilliamo tra la megalomania compensatoria e la sottovalutazione apprensiva)." (Prof. Frigerio)

" Mai abbiamo sensazioni di assurdità come nei momenti di pericolo. Forse perchè ci richiamano al nostro destino." (Prof. Frigerio)

" Non possiamo mai, come si dice con una espressione temeraria e orrida, entrare nel cervello di un altro." (Prof Frigerio)

" (quando parliamo di libertà diventiamo tutti studiosi di diritto alle prese con definizioni intangibili." (Prof. Frigerio)

" La sfida fine a se stessa (ovvero l'imperativo alla moda) di superare i limiti nasce dalla paura di accettarli. E mai come nella nostra epoca l'oltrepassamento dei confini è la fuga dal loro riconoscimento." (Prof. Frigerio)

" Proporrei più delicatezza con l'handicap, più riguardo. Ci ricambierà." (Prof. Frigerio)

" Noi siamo abituati al male. Il male conferma la nostra superiorità o conforta la nostra debolezza. Ci è cos familiare che il bene ci sconcerta e cerchiamo di ridurlo al male, commutandolo di sengo e assimilandolo ai modelli negativi che ci sono noti.
L'ho osservato nelle reazioni più comuni, compresa la mia, di fronte al volontariato. la tendenzaè di interpretare l'altruismo come controfigura dell'esgoismo, la generosità come gratificazione di chi la esercita, la solidarietà come aiuto provvidenziale a se stessi, il sacrifico dell'Io come ricatto di un Super-io tirannico. Non si impara neppure dalla etologia, saccheggiata per spiegare l'aggressività, ma mai il suo contrario. Gli animali che si sacrificano per la prole o per gli altri sono anche loro vittime di un Super-io? No, dell'istinto, risponde l'etologia. Ma all'uomo si nega questo istino positivo, per dotarlo invece di tutti gli altri.
Il male- contrariamente a quanto si pensa- è rassicurante, lo veneriamo nei mostri, giustifica le vendette, mobilita le difese, rafforza la durezza del cuore. Il bene è un esempio inimitabile (vogliamo confrontarlo con il male?), supera fossati e mura che approntiamo contro il nemico, elude gli infiniti cavilli della intelligenza, disorienta l'astuzia perchè la ignora, è disarmato e semplice. Il male ci incuriosisce e ci eccita, stimola l'investigazione, si cela nell'ultima stanza, quella del segreto infame. Il bene apre le porte, non nasconde nulla, si apparta solamente per non farsi notare. Il male promette misteri, il bene è un mistero luminoso, una presenza inaccettabile.
Sto parlando con cognizione di causa, ma sono in buona- o almeno numerosa- compagnia. Per molti uomini nulla è più edificante che la distruzione e nulla più ripugnante che la edificazione. Che le ideologie abbiano nel nostro secolo generato stermini non è perchè additavano un paradiso remoto, ma perchè prima dovevano realizzare un inferno immediato. Certo è più confortante- e soprattutto etico-capovolgere le gerarchie. E' un alibi di cui tutto si può dire tranne che non se ne sia approfittato.
Sto esagerando? ma solo le esagerazioni ci restituiscono, nella caricatura, l'immagine di cui riconosciamo l'originale." (Prof. Frigerio)

" Nel male, fingendo di non riconoscerlo, ci si rispecchia, nel bene un po' meno. Per un narratore i lmale è la salvezza, il bene la perdizione. L'elogio del bene ha inquietato perfino il sonno dei classici ed è stato l'incubo della loro veglia. Manzoni, per farselo perdonare, ricorre alla ironia, Cervantesalla follia, Dickens alla stupidità, Dostoevskij alla idiozia, Melville alla innocenza. Solo Hugo non esita a edificare al bene una cattedrale, ma a lui, ahimè, si perdona tutto. Parlare bene del bene è imperdonabile. Infatti non me lo perdono. Ma dovevo pagare di persona l'impagabile aiuto di parenti, amici e sconosciuti." (Prof. Frigerio)

" Spesso i genitori, invecchiando, diventano ciò che da bambini eravamo noi per loro. Esseri indifesi, da curare. lei sta diventando la madre di suo padre. Deve essere all'altezza." (Medico)

" Possiamo immaginare tante vite, manon rinunciare alla nostra." (Prof. Frigerio)




-Pooh-

...
__________________
L'UnicaVeraFolliaPerAmore
Pooh è offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 05:27 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.

Home - Cartoline Virtuali - Poesie -  Frasi - Citazioni Libri - Racconti - Amici - Angeli - Fate - Indiani - Bambini - Foto Blog - Link



Importazione e Ottimizzazione a cura di Cionfs